Recensioni

Barachetti / Ruggeri – White Out

2016 - Ribéss
experimental / post-rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Dolore bianco
2.Corpo occidente
3.Pulsa
4.Uomo scritturato
5.Macula
6.San Sebastiano
7.White Out
8.Mare morto
9.Cretto del vero
10.Panda psichico
11.Uomo occipitale
12.Fiume verticale

Web

Sito Ufficiale
Facebook

ATTENZIONE: QUESTO DISCO POTREBBE PROVOCARE ALL’ASCOLTATORE UN’INTENSA ESPERIENZA CEREBRALE.

Ecco una buona raccomandazione da stampare sulla cover di questo White Out, primo disco figlio del progetto musicale del duo Barachetti/Ruggeri. D’altronde, chi vi si approccerà, dovrebbe prepararsi psicologicamente a quello che risulterà probabilmente un ascolto difficile, ma proprio per questo potenzialmente stimolante.

Musicalmente possiamo definire White Out come un disco di elettronica sperimentale, in cui le melodie vengono messe al bando in virtù di una sofisticata ricerca sonora, fatta di note, rumori, frequenze, interferenze e ritmi. Su un tappeto musicale composto da sottofondi che si mimetizzano con quelli di una metropoli rumorosa anche da spenta, si intersecano trame sonore monocromatiche, acidule e stridule, lasciando emergere, flebile ma solenne, la voce di Barachetti: moribondo poeta maledetto che sul ciglio di una strada sbiascica versi alienati e sofferenti.

Nel mood cupo di questi dodici brani, aleggia un disagio quasi fine a se stesso, poiché totalmente introspettivo, incapace di osservare verso l’esterno, nonostante dall’esterno provenga; costretto ora ad un continuo rimbalzare in una scatola cranica vicina all’esplosione.
D’altronde il concept di questo lavoro è il cosiddetto “male di testa”, la cui ambigua accezione trova riscontro univoco nel malessere psicofisico dell’uomo contemporaneo, sia esso “occipitale” o “scritturato”. Un malessere cronico e un po’ cristallizzato, proveniente dal ritmo alienante di una società schizofrenica.

Così ci si ritrova immersi in un silenzioso e claustrofobico “Mare Morto”, in attesa di un “Fiume Verticale” che ci spingerà verso un abisso infinito. Ci sarà una via d’uscita da questo immenso “Dolore Bianco”?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi