Recensioni

Stian Westerhus – Amputation

2016 - House Of Mythology
experimental

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Kings Never Sleep
2.Sinking Ships
3.How Long
4.Amputation
5.Infectious Decay
6.Amputation Part II

Web

Sito Ufficiale
Facebook

C’è qualcosa di anomalo e magnetico nelle composizioni del chitarrista norvegese Stian Westerhus, qualcosa che ti impedisce di fermare un suo disco neanche in casi di estrema necessità. Stai lì, rapito, a vedere fin dove può spingersi un musicista. É una cosa che mi è capitata più spesso col cinema, con Lynch e Wenders nella fattispecie, che con la musica. Ma, soprattutto, cerchi di capire quanto a fondo può portarti. O quanto in alto. Con il nuovo “Amputation” il viaggio è puramente ascendente, ipnotico ed intenso oltre il limite.

Così le sei tracce di questo piccolo capolavoro si tingono di colori intensi, dall’anima feroce e toccante al tempo stesso, Stian non è solo eccezionale manipolatore sonoro della sei corde e sperimentatore dell’abisso, ma anche voce dal cuore nero e soul, un incontro abbacinante di Bon Iver/Justin Vernon, Nina Simone, Xiu Xiu/Jamie Stewart che prende alla gola e al cuore allo stesso tempo. Tra le pieghe di “Kings Never Sleep” si annida un blues riletto in chiave aliena, come un canto di schiavitù e liberazione composto su un pianeta lontano, pregno di sofferenza cristallina, “How Long” è immersione nelle profonde acque di un jazz elettrostatico figlio tanto infame quanto splendido della Signora Nera Simone piagato da un infinito dolore delicato e soulful. Ai due movimenti della title-track tocca il compito di riportarci in un inferno noise e senza luce, infestato da colate di cemento armato elettrificato, malvagio e industriale, pesante come Westerhus è riuscito ad essere coi suoi Monolithic, nei suoi silenzi maligni e nelle deleterie esplosioni di rumore. Il silenzio diventa caratteristica predominante in “Sinking Ship” mentre “Infectious Decay” piega al volere dell’assurdo un linguaggio indie-folk inaspettato e, per questo, diecimila volte più bello. E in un attimo ci si rende conto di aver ascoltato il disco quattro o cinque volte di seguito, ammaliati, perduti nelle sensazioni che questo può donare.

Spiazzante bellezza e cuore in frantumi, “Amputation” crescerà ancora e non finirà mai di piacervi, sentirete il bisogno di ascoltarlo ancora per capire quanto una voce e una chitarra del tutto asservite alla sperimentazione possano far fremere un sentimento. D’altronde esce per House Of Mithology, etichetta legata agli Ulver, che dei sentimenti sono maestri. Grazie.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi