Recensioni

Minor Victories – Minor Victories

2016 - PIAS
pop/shoegaze/post-rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

    Give Up The Ghost
    A Hundred Ropes
    Breaking My Light
    Scattered Ashes (Song For Richard)
    Folk Arp
    Cogs
    For You Always
    Out To Sea
    The Thief
    Higher Hopes

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La band che non ti aspetti e il disco che non pensavi sarebbe mai uscito all in one. Se siete distratti non saprete che i Minor Victories sono formati da Rachel Goswell degli Slowdive, dal Mogwai Stuart Braithwaite, Justin Lockey direttamente dagli Editors e da suo fratello James. E questo agglomerato micidiale di eroi post-rock, shoegaze ed indie poteva tranquillamente cagare fuori un album di comodo, che tanto di copie ne avrebbero comunque vendute a mazzi, e invece no. Proprio no. Il disco omonimo è una manata sui denti, data con una mano opportunamente avvolta in un guanto di velluto grigio.

A spiazzare, sin da subito, è il trittico d’apertura. Se il pop può far male perché non permetterglielo e allora ecco che l’opener “Give Up The Ghosts” entra subito a gamba tesa sui timpani, introdotta da un drone melodico infingardo che lascia subito spazio ad una botta elettrica da dieci tonnellate, con le chitarre doviziosamente inacidite a spazzare via tutto. Continua il lavoro l’electro-stomp “A Hundred Ropes“, arpeggiatori a pioggia, drum-machines incalzanti e un tiro da novantadue minuti d’applausi, mentre gli archi di “Breaking My Light” ci portano dritti dritti ad un pop novantiano di quelli di altissima gamma, che ti obbligano a piangere tanto sono epici. Bella ballata power-pop è invece “Scattered Ashes (Song For Richard)” cantata in compagnia di James Alexander Graham dei The Twilight Sad, con tanto di melodia-colla che entra e non esce più. Altro ospite, a dir poco eminente, è il signor Mark Kozelek direttamente dal pianeta Sun Kil Moon, pronto a sciorinare la “solita” (ma pur sempre spettacolare) colata di parole storte che ti pare impossibile riescano a star perfette così sul tempo del pezzo, sulla delicata “For You Always“. Rachel Goswell è in spolvero totale, usa la voce come difficilmente aveva fatto prima d’ora, da sorniona a stentorea fino a picchi di lirismo voluttuoso, come nella tirata indie-“punk” “Cogs“. “Folk Arp” è il momento più Slowdive/Mogwai del lavoro, ma è solo questione d’impressioni, giocate tutte in punta di piedi tra archi e synth carezzevoli per poi detonare in un disperato crescendo, di quelli che Stuart conosce bene, segue la scia la lacrimevole e monumentale “Out To Sea” con questo immenso lavoro orchestrale che manco l’orchestra sinfonica di Vienna. Chiudono la partita il pop-notturno dal finale esplosivo di “The Thief” e la delicata “Higher Hopes“, pianocentrismo ed emozioni ottundenti a tutto spiano.

Bastava dirlo in un comunicato stampa, cari Minor Victories, che avete scritto un capolavoro pop che nel 2016, finora, non ha pari. Noi scribacchini siamo di troppo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi