Recensioni

Blut Aus Nord \ Ævangelist – Codex Obscura Nomina

2016 - Debemur Morti
black / death / metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1. Blut aus Nord - Evanescent Hallucinations
    2. Blut aus Nord - Resonnance(s)
    3. Blut aus Nord - The Parallel Echöes
    4. Blut aus Nord - Infra-Voices Ensemble
    5. Ævangelist - Threshold of the Miraculous

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Debemur Morti pubblica finalmente questo atteso split tra due delle più interessanti realtà della scena estrema.

Che i Blut Aus Nord fossero un gruppo proteso alla sperimentazione ce ne eravamo resi conto da tempo.
Per questo infatti motivo non avevo compreso appieno la decisione di far uscire quel Memoria Vetusta III che, per quanto sia un ottimo disco, sembrava quasi essere un contentino per i “fan” più legati alle origini black-metal del gruppo.
Per fortuna Vindsval riprende con questa uscita il discorso intrapreso con “Cosmosophy”, (ultima parte della trilogia 777) e con esso le influenze che portano la band sempre più vicina alla scuola Godflesh-Pitchshifter; non è un caso infatti che un uno degli ultimi Ep contenesse proprio una cover della loro “Bastardizer”.
Il suono in questi quattro brani ha molti più punti in comune con un disco come “Us and Them” che non ad esempio “In The Nightside Eclipse” (tanto per citare una influenza a caso nei primi lavori). E’ infatti il beat quasi hip hop \ dub la base per creare una struttura musicale piena di textures sonore che rimandano addirittura agli ultimi Dalek.
Le chitarre dissonanti, doventate ormai un marchio di fabbrica, sono sepolte da una marea di effetti mentre la voce è resa così irriconoscibile e sporadica che si fonde nell’amalgama sonoro senza mai essere protagonista, scelta perfettamente funzionale e il cui esempio migliore lo troviamo nella seconda traccia “Resonnance(s)”. L’atmosfera generale è totalmente aliena, claustrofobica e meccanica, molto più che in passato, motivo per cui l’attesa per un nuovo full-lenght diventa ancora più interessante.

Nella seconda metà abbiamo il lungo pezzo degli Ævangelist, band che per certi versi rappresenta per il death metal, quello che i Blut Aus Nord sono per il Black-metal.
Il gruppo americano è pian piano diventato una delle punte di diamante della scena death-metal più avantgarde e qua ne abbiamo l’ennesima conferma. “Treshold of the Miracolous” è infatti un lungo tunnel musicale in cui chitarre dissonanti e continui cambi di tempo si mescolano a aperture ambient-noise ed altre più elettroniche che ricordano certi Ulver di inizio millennio (quelli di “Marriage of Heaven and Hell” tanto per intenderci).
Pur non raggiungendo i livelli di “Writhes in the Murk” gli Ævangelist sembrano piuttosto voler provare ad ampliare il discorso delle idee contenute in “Omen Ex Simulacra” nella stessa maniera in cui fecero i Deathspell Omega con gli Ep “Chaining the Kathechon”, “Mass Grave aestetics” e “Diabolus Absconditus”, ovvero rendendo il tutto ancora più progressivo e free-form.

In definitiva un EP di non facile ascolto, che richiede tempo e pazienza, ma sappiamo bene che se state leggendo queste righe e conoscete bene i due progetti interessati è esattamente quello che cercate.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi