Recensioni

Faser – Prince Of Darkness

2016 - hip-hop

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1 Darwin (natural selection)
    2 Caio e Tizio
    3 Prince of Darkness
    4 Velluto Blu
    5 Acido nello stomaco (feat. Giaime)
    6 Mad Max Freestyle
    7 Caino e Abele
    8 Meglio degli altri
    9 Marijuana e Oro
    10 L’altro me
    11 Enchanté (feat. Axos)
    12 Sincero (feat. Vegas Jones)
    13 Is not 4 you (feat. Roman)
    14 Heal (feat. Infa)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A distanza di due annetti dal precedente “Skinny Bastard“ torna il rapper part time milanese – tuttora vocalist dei 4losers, band nerd rock – indossando per l’occasione una nuova veste, zero estroversione & solarità e con ambientazioni introspettive e cupe a farla da padrone.

Nelle 14 tracce di questo “Prince of Darkness” c’è quasi esclusivamente prima persona singolare, con Faser che sbava fuori tutte le proprie paranoie e ansie, senza soluzione di continuità e con l’eccellente supporto fornito da strumentali coerenti all’idea di fondo, ma sempre e comunque varie e ritagliate su misura sia per la singola traccia che soprattutto per l’intero progetto.
“Prince of darkness” è un album scuro e rabbioso ma non fine a se stesso. Faser si ribella alla società tutta lustrini ed optional, decidendo di smarcarsi nettamente e privilegiando l’ombra, le retrovie, l’emarginazione. La sua non è auto referenzialità spaccona e di facciata, ma quella di uno straniero nella propria nazione, quella di un ragazzo che per distinguersi dalla superficialità imperante e da esistenze tanto on line quanto vacue ed inconsistenti, decide di rallentare, di dilatare tempi e prospettive. Decide cioè di fare la cosa più semplice ma allo stesso tempo più difficile, ossia di puntare tutto su stesso e sulla propria vita reale fatta di ambizioni anche banali ma comunque sincere e sentite, di storie e sensazioni da raccontare e tramite le quali raccontarsi, senza filtri ne tanto meno muscoli e/o maquillage.

“Prince of darkness” è un bel disco, da ascoltare più e più volte, ma soprattutto da condividere e spingere senza timore alcuno.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi