Recensioni

Oathbreaker – Rheia

2016 - Deathwish Inc.
hardcore/blackgaze

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. 10:56
2. Second Son Of R
3. Being Able To Feel Nothing
4. Stay Here / Accroche Moi
5. Needles In Your Skin
6. Immortals
7. I'm Sorry, This Is
8. Where I Live
9. Where I Leave
10. Begeerte

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Presentato in pompa magna come un capolavoro annunciato, esce il nuovo lavoro della band belga Oathbreaker. Premetto di aver amato il precedente “Eros|Anteros”, uno dei pochi dischi che riusciva a mescolare perfettamente la furia e l’urgenza post-Converge con la nuova scuola blackgaze (o come cacchio volete chiamarlo). C’è qualcosa in questo “Rheia” che invece non mi torna, e i miei dubbi dopo i due brani presentati in anteprima si sono rivelati, purtroppo, fondati. Non fraintendetemi, questo disco è teoricamente perfetto e ogni cosa, a partire dall’ artwork, è fatta per funzionare alla grande. E’ fatta, appunto.

Abbandonata quasi totalmente la ruvidezza e la pesantezza hardcore, il gruppo belga ci lancia addosso un’ora abbondante fatta di lunghi brani (perché ovviamente DEVONO essere lunghi) in cui black-metal, post-metal, cantautorato alla Chelsea Wolfe (d’obbligo se si ha una cantante donna) e derive shoegaze si mescolano per creare un qualcosa che però riesce solo formalmente. E sì che brani che mi piacciono ce ne sono pure (“Needles in your skin” o “Where I Live”), ma l’emozione che mi trasmette questo disco è la stessa che provo nel camminare in una stanza perfettamente arredata di un negozio Ikea il sabato pomeriggio. 

Come (seppur in misura minore) negli ultimi Alcest, il problema principale di un lavoro come questo è quello di voler a tutti i costi scrivere qualcosa che risulti emotivo emozionale e struggente. Però, anche provandoci, anche scegliendo Jack Shirley come produttore (Deafheaven, e Botanist), brani che ti scavano dentro come “Sunbather” o “Vertigo” o sei capace a scriverli altrimenti è meglio lasciar perdere. Persino gli acustici “Stay Here / Accroche Moi” e “Begeerte” o lo spoken words di “I’m Sorry, This Is” suonano talmente ruffiani da risultare irritanti. Sentitevi “Please Remember” e “Windows” dei Deafheaven. O un pezzo qualsiasi di Chelsea Wolfe, e poi capirete cosa intendo.

Rheia” entrerà sicuramente nella top ten 2016 di un sacco di magazine specializzati, perché è probabilmente questo il suo scopo e da un certo punto di vista, visto l’andazzo del mercato musicale attuale è giusto così. Per quello che mi riguarda, però, io non mi faccio fregare e passo altrove.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi