Recensioni

Murubutu – L’Uomo Che Viaggiava Nel Vento (E altri racconti di brezze e correnti)

2016 - Irma Records
hip-hop / songwriting

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Anemos - Introduzione
02. La bella creola
03. Grecale
04. Scirocco
05. Mara e il maestrale
06. Bora
07. Dafne sa contare
08. Levante
09. Linee di libeccio
10. Il re dei venti
11. Isobarre 12. L'armata perduta di Re Cambise 13. L'uomo che viaggiava nel vento 14. L'ultimo soffio - Conclusione

Web

Sito Ufficiale
Facebook

E niente. Anche a sto giro concept album, stavolta con il vento come comune denominatore, e ancora una volta un centro pienissimo per Murubutu.

Appare quindi sostanzialmente inutile spendere troppe parole per descrivere il IV album da solista del professore reggiano, primo perché di lemmi come da prassi ce ne metta già una bella quantità lo stesso Murubutu, secondo perché questo è un disco profondo e complesso, con 12 tracce (più introduzione e conclusione) che sono altrettanti racconti e che quindi meritano di essere ascoltati e vissuti direttamente, senza filtri e/o sinossi.

La vera novità rispetto ai precedenti lavori risiede nelle strumentali decisamente più rotonde ed orecchiabili, addolcimento che giova all’ascolto in quanto rende più avvicinabile e digeribile un prodotto che, come nel caso appunto del precedente “Gli ammutinati del Bouncin’ ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari”, tende (purtroppo?) a rimanere relegato a bordo pista.
Altra novità rispetto al passato sono i featuring, meno vicini alla quotidianità ed alla cerchia di amicizie, ma selezionati, azzardo, in base alla capacità di saper scrivere con classe, stile e soprattutto fuori dai canoni italici. E Rancore in “Scirocco”, Dargen D’Amico & Ghemon in “Levante” confermano appieno la bontà sia della scelta fatta che delle (da me presunte) motivazioni alla base di tale selezione.

Null’altro da aggiungere. Se non che Murubutu con questo ultimo eccellente lavoro ha alzato e superato una volta ancora la fantomatica asticella. E se il prossimo disco sarà migliore di questo, beh, come minimo candidatura al premio Nobel per la letteratura.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi