Recensioni

King Crimson – Radical Action To Unseat The Hold Of Monkey Mind

2016 - DGM Records
progressive rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

cd 1 Mainly Metal
1. Larks' Tongues in Aspic Part One
2. Radical Action (to Unseat The Hold of Monkey Mind)
3. Meltdown
4. Radical Action II
5. Level Five
6. The Light of Day
7. The Hell Hounds of Krim
8. The ConstruKction of Light
9. The Talking Drum
10. Larks' Tongues in Aspic Part Two

cd 2. Easy Money Shots
1. Peace
2. Pictures of a City
3. Banshee Legs Bell Hassle
4. Easy Money
5. VROOOM
6. Suitable Grounds for the Blues
7. Interlude
8. The Letters
9. Sailors Tale
10. A Scarcity of Miracles

cd 3. Crimson Classics
1. Red (Fripp) One More Red Nightmare
2. Epitaph
3. Starless
4. Devil Dogs of Tessellation Row
5. The Court of The Crimson King
6. 21st Century Schizoid Man


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Per gli appassionati del genere progressive rock che sconfina nella pura experimental music, quest’ultima raccolta, etichettata DGM Records, sarà certamente la novità migliore dell’anno: Radical Action To Unseat The Hold Of Monkey Mind si compone di ben 3 cd e 1 blu-ray (oppure di 3 cd, 2 DVD e un blu-ray nella versione limited edition). Il set è formato dai brani registrati nelle live performances del tour 2015, che ha visto il gruppo esibirsi prima in Inghilterra, poi in Canada e infine in Giappone.

I tre dischi presentano una particolarità: non comprendono i suoni del pubblico, che rimane completamente escluso dalla registrazione dei pezzi, venendo così a creare l’effetto di un vero “virtual studio album”. Nel blu-ray, invece, è inserita una set-list unica, tratta direttamente dal concerto tenuto in Giappone, per un totale di 3 ore di musica dal suono d’altissima qualità.
Nella versione limitata, i due DVD contengono l’intero concerto e un esclusivo booklet di 36 pagine con le foto scattate alla band nel corso del tour.

Insomma, si tratta, per i King Crimson, dell’uscita più curata degli ultimi anni–almeno dopo la pubblicazione di Live at Orpheum, del bootleg Live in Toronto e di Live EP 2014– e che si compone della maggior parte dei loro grandi successi.
Come commentato dallo stesso Fripp “This is King Crimson….re-invented“.
C’è poi da dire che la band non ha semplicemente voluto volgere lo sguardo al passato, ma ha rivisitato le tracce e ha aggiunto anche pezzi nuovi. Per esempio, The Hell Hounds Of Krim, Banshee Legs Bell Hassle, Meltdown, Devil Dogs Of Tessellation Row, Suitable Grounds For The Blues e ancora Radical Action I e II: tutto materiale nuovissimo, che fa ben sperare per un album in studio.

Una formazione eccezionale per un sound eccezionale, che conta su un’ampia sezione di percussioni, fiati e accompagnamenti di chitarra e tastiera: Pat Mastelotto (batteria), Bill Rieflin (batteria e tastiere), Gavin Harrison (batteria), Mel Collins (sax e flauto), Tony Levin (basso e Chapman stick), Jakko Jakszyk (chitarra e voce) e Robert Fripp (chitarra e tastiere).

Un gruppo, quello dei King Crimson, che appare ancora pieno di pretese e che non teme di ripescare gran parte del suo materiale da esibizione da un passato glorioso, ma che non rinuncia a rielaborare il suo sound e a creare sempre nuove ipnotiche melodie.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi