Menu

Recensioni

Nadàr Solo – Semplice

2016 - Tirreno Dischi
rock / alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. Marco
  2. Aprile
  3. Diamanti
  4. Cattivi Pensieri
  5. Semplice
  6. Il Coltello
  7. Il Nostro Ritorno
  8. Weekend
  9. Icaro
  10. Da Un Altro Pianeta
  11. A Modo Mio

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sono passati ormai due anni dal loro ultimo lavoro in studio e li avevamo lasciati spinti da ritmi incalzanti e dai testi immediati. Nell’essenzialità, i Nadàr Solo si sono sempre contraddistinti per una particolare evoluzione interna, concretizzata anche in questa nuova produzione. Apro la cartella, leggo l’intestazione e… qual è il titolo del disco? “Semplice”! Bene, iniziamo questa nuova avventura.

Come in un concerto rock, parte un groove di batteria molto percussivo che sarà le fondamenta di Marco, una sorta di predica a questo interlocutore, rafforzata dalla ripetizione di «Marco, ascoltami». Simile all’apertura di un concept album, questa traccia ha i connotati di un preludio che funge da trampolino per il resto dei brani. Segue il singolo Aprile, dalle sonorità a-là Coldplay e dal testo squisitamente pop; ancora una volta emerge la presenza particolarmente creativa del batterista Andrea Dissimile, accompagnata egregiamente dalle basslines del frontman Matteo De Simone. Esclusa qualche eccezione, le musiche e gli arrangiamenti sono del chitarrista Federico Puttilli, molto interessanti per l’aspetto ritmico, articolato quando coeso, dal sapore alternative: dagli arpeggi post-punk ai cori brit pop, il sound del trio torinese mantiene la sua identità camaleontica e la tracklist etereogenea ne è la prova.

Il respiro internazionale dei Nadàr Solo lascia però spazio ad importanti influenze nostrane, soprattutto nella scrittura dei testi, talvolta scanzonati come la title track, altri impegnati senza filtri; l’uso di determinate parole e metriche saranno sicuramente apprezzati dagli amanti della scena cantautorale ed alternativa italiana. A questo proposito, davvero interessanti Il Nostro Ritorno, molto intensa anche per le chitarre acide e fuzzose (marchio di Putilli su parecchi brani), Weekend, dal testo a tratti etereo ed innocente ma di forte impatto, ed Icaro, dal sapore grunge e con qualche richiamo ai Subsonica.

Chiude A Modo Mio, una ballad acustica dal testo malinconico, che lascia l’ascoltatore sospeso tra le mille sonorità della formazione torinese, senza dare un reale senso di fine. Cos’è SEMPLICE? Un disco maturo, Il respiro a pieno polmoni di una band senza tanti fronzoli, un abito perfetto per i Nadàr Solo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close