Recensioni

Pietro Berselli – Orfeo L’Ha Fatto Apposta

2017 - Dischi Sotterranei
cantautorato post-rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Niobe
2. Diluire
3. Debole (senza regole)
4. Brindisi
5. Sintetizzatore
6. In diretta
7. Cordiali saluti
8. Mediterraneo di notte
9. Quanti anni hai
10. Leggero
11. L’eterno ritorno dei cani


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Pietro Berselli ha fatto qualcosa di veramente bello,  a cui probabilmente un po’ tutti hanno pensato ma poi, presi dalla sempre ridicola voglia di piacere a tutti e tutto, hanno abbandonato. Mi riferisco al fatto che Pietro Berselli si definisce cantautore post rock unendo così la classica figura cantautorale a quella della band post rock, caratterizzata da chitarre sgargianti e da riverberi di tutto rispetto.

Il suo album di debutto si intitola “Orfeo l’ha fatto apposta” e l’open track “Niobe” dà tutta l’impressione che ciò che ascolteremo da lì a breve sia un grande lavoro. Cantautorato post rock vuol dire massima cura sia nei testi che negli arrangiamenti, vuol dire prendere il meglio da entrambi i filoni musicali, mescolarli e dare nuova linfa vitale ad una scena spesso troppo poco propensa al cambiamento. L’album è intervallato da brani strumentali che danno sempre maggiore respiro ai timpani, è curato nei minimi dettagli e può essere considerato senza dubbio uno dei più bei lavori indipendenti del 2017, sebbene ci troviamo solo all’inizio dell’anno. La miglior traccia dell’album resta la già citata “Niobe”, brano che farebbe venir voglia di suonare a chiunque, anche a chi come me ha lasciato il basso da un bel pezzo.

Un ottimo lavoro per chi ha ancora voglia di sperimentare e lasciarsi alle spalle vecchi stereotipi, convinzioni e schemi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni