Recensioni

Julitha Ryan – The Winter Journey

2017 - Atelier Sonique
pop / art rock / blues

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Bonfire
2. Like a Jail
3. Woman walks her cat
4. Memento
5. Something’s gotta give
6. Zeehan
7. Big Brass Bell
8. There is no turning back


Web

Sito Ufficiale
Facebook

C’è un ponte immaginario che collega Melbourne all’Italia, Hugo Race lo percorre meravigliosamente da anni, insieme ai suoi Fatalisti e tante altre collaborazioni. Anche Julitha Ryan – già con Silver Ray, Mick Harvey e con lo stesso Race – ha tentato la strada di un sodalizio Australia-Italia. Per The Winter Journey al suo fianco ci sono Pier Adduce ed Enrico Berton dei Guignol; Massimiliano Gallo e Henry Hugo, per finire con Giovanni Calella che si è occupato anche della produzione.

Il suo esordio da solista del 2012, The Lucky Girl, era apparso interessante, ma un po’ di maniera. Il nuovo lavoro, anche grazie alle collaborazioni italiche e alla maggior cura gli arrangiamenti, riesce a dare spessore e incisività alla voce della cantautrice australiana.

Il disco si apre con un brano tutto in progressione: le parole appena sussurrate “Nothing between me and death / There’s only the cold empty air”, e poi un crescendo di intensità, sino all’esplosione finale, con la voce che continua a salire in un turbinio enfatico, senza mai cadere nell’eccessivo e nel melodrammatico. È un pezzo da colonna sonora, sarebbe perfetto per accompagnare la scena conclusiva di una grande pellicola.

I brani sono tutti costruiti su voce e piano, ci si muove tra cavalcate blues (Like a Jail) e pezzi classici, un po’ art rock e pop-baroque (Memento); si alternano momenti maggiormente languidi (Woman Walks Her Cat) e altri più graffianti (Big Brass Bell).

È un album che trasuda personalità artistica, tematiche un po’ cupe e grande lirismo, il tutto con una preziosa raffinatezza di fondo e qualche guizzo che ne spezza il mood e facilita l’ascolto. Suona classico e potente, assolutamente contemporaneo, ma con un gradevolissimo sapore retrò.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi