Recensioni

Los Campesinos! – Sick Scenes

2017 - Wichita Recordings
rock / indie / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. Renato Dall'Ara (2008)
  2. Sad Suppers
  3. I Broke Up In Amarante
  4. The Fall Of Home
  5. 5 Flucloxacillin
  6. Here's to the Fourth Time!
  7. For Whom the Belly Tolls
  8. Got Stendhal's
  9. A Litany/Heart Swells
  10. Hung Empty

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sesto lavoro in studio per la band gallese, che rimane fedele a se stessa. Sì, perchè i Los Campesinos! sono una certezza. Una certezza fatta di 11 brani che puntano a farsi ascoltare lasciando un sorriso sulle labbra.

Una certezza fatta di motivi che si stampano in mente e non vanno più via: “Renato Dall’Ara 2008”, con cui si apre l’album, “5 Flucloxacillin” e “Hung Empty” bastano e avanzano per avere un’idea di ciò di cui stiamo parlando. Una certezza fatta di riferimenti punk e di un British pop più spinto, con cui i Blur hanno costruito buona parte del loro successo, che ci trasporta immediatamente ad una dimensione adolescenziale. Sfido a non far andare su e giù la testa con “Sad Suppers”, o a non tamburellare sul volante con “For whom the Belly Tolls”.

Certezze a parte, i “Contadini” sono anche cresciuti nel frattempo e, se la musica non ne ha risentito, diverso è il discorso per i testi. Politica ed un certo tipo di malinconia, propria di chi non ha ancora trovato un equilibrio definitivo tra adolescenza ed età adulta, trovano adesso spazio in brani come la dolcissima “The Fall of Home”, in cui si riversano i sentimenti di chi lascia la propria casa per cercare fortuna nelle grandi città.

Non c’è nulla di rivoluzionario in questo “Sick Scenes”, e probabilmente non è nemmeno l’album più riuscito dei Los Campesinos!, ma è un lavoro schietto e sincero che si lascia ascoltare con piacere trasmettendo una sensazione simile ad una ventata di leggera brezza estiva.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni