Recensioni

The Universe By Ear – The Universe By Ear

2017 - Czar Of Revelations
Prog Rock / Stoner

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Seven Pounds
2. Repeat Until Muscle Failure
3. Slam Your Head Against The Wall (Carefully)
4. Dead End Town
5. Idaho
6. Make It Look Like An Accident
7. High On The Hynek Scale
8. Ocean/Clouds/Prism
9. Dead Again


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Si inizia facili facili, come Black Sabbath versione funk, con derive rumoristiche free rock, cacofonie assortite, decolli “space” abortiti sul nascere. Qualcosa degli Sleep (che è poi quel qualcosa che Al Cisneros prendeva da Master Of Reality), qualcosa dei Wolfmother, una vena di acido californiano, nello stile di ascolti recenti come i Fogg di High Testament o i Mountain Tamer, ben addensati nello swamp stoner di Dead End Town.

Eppure mica male, anche se imbastardita con una malcelata tentazione pop che sa di elettronica spicciola, elucubrazioni progressive e matematiche dai Godsticks ascoltati su Emergence, ma profili telegenici da Imagine Dragons; tanto che si finisce con un prog celebrale e multitraccia con Ocean/Clouds/Prism.

Questo power trio svizzero, per cui il rock ‘n’ roll nasce nel 1981 di Moving Pictures, sforna un bel calderone fumante, che non stacca mai la spina, né toglie il piede dal pedale del gas. Che sia schizofrenia, incertezza o ecletticità, Make It Look Like An Accident restituisce alla grande di questa eccellente doppiezza.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni