Menu

The Loft, di Erik Van Looy

The Loft

Scheda


In un Loft di Manhattan cinque amici portano in gran segreto le amanti a insaputa delle rispettive mogli. Tutto cambia quando una donna è ritrovata nell’appartamento ammanettata e morta, creando una serie d’inevitabili sospetti fra i cinque.

Un gioco di sguardi degni di Alfred Hitchcock e una trama perennemente in bilico fra dramma e thriller. Questa la genesi della pellicola diretta dal semi sconosciuto regista belga Erik Van Looy e che è stata direttamente distribuita per il piccolo schermo, con i protagonisti provenienti tutti, o quasi, da serie TV di gran successo, impossibile per esempio non riconoscere l’attore Wentworth Miller, già visto fra i protagonisti di Prison Break e qui nei panni del mite e riservato Luke, così come Kristin Lehman nel ruolo di un’agente della squadra omicidi, ruolo già suo nel serial canadese Motive.

Completa il film una sceneggiatura adrenalinica, in grado di mantenere sempre viva l’attenzione dello spettatore e munita di alcuni colpi di scena a effetto. Una trama che rimbalza fra passato e presente e personaggi ben delineati ma in alcuni casi troppo stereotipati: il riservato, lo spavaldo, lo spaccone, quello che parla troppo e il razionale, e che riescono a catturare l’attenzione di un pubblico che in alcuni momenti potrebbe pensare che quel che unisce i cinque amici storici potrebbe in fin dei conti accadere anche a loro. Un film che quindi oltre a una trama appassionante potrebbe facilmente piacere se si desidera esorcizzare alcune paure personali.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Close