Menu

Recensioni

alt-J – Relaxer

2017 - Infectious
alt-pop / folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. 3WW
  2. In Cold Blood
  3. House of the Rising Sun
  4. Hit Me Like That Snare
  5. Deadcrush
  6. Adeline
  7. Last Year
  8. Pleader

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un album d’esordio di grande impatto, l’album della riconferma che tradisce le attese… e poi?

Questo è il grande dilemma che precede la nuova uscita targata alt-J, una delle band più innovative e discusse degli ultimi anni, che con il loro secondo album sembravano aver perso – fin troppo presto – lo smalto dell’esordio. Relaxer è quindi chiamato a rispondere a chi ha già piantato una lapide sul terreno “rinsecchito” della loro ispirazione.

Se il buongiorno si vede dal mattino 3WW è il miglior modo per iniziare questa nuova fatica in studio: un racconto romantico lungo cinque minuti che scorre agilmente attraverso sprazzi di melodia e fughe elettriche perfettamente amalgamate. La successiva Cold Blood è un’esercizio di stile convincente, che ci consegna una band in grado di mescolare al meglio quanto di buono prodotto nei precedenti lavori. Il nucleo centrale del disco è riservato a due episodi antitetici che rappresentano una sorta di unicum nella produzione del gruppo inglese. Se House of the Rising Sun colpisce per il gusto minimale e originale con cui affronta il classicone degli Animals, non sfigurando affatto, Hit Me Like That Snare spinge l’acceleratore in territori oscuri e indefiniti, persi in un’atmosfera lo-fi in salsa garage, dentro un episodio che divide.

La seconda parte del disco si caratterizza in movimenti diversi tra loro ma accomunati dal classico filo malinconico che definisce gli alt-J. Deadcrush è il pezzo più cupo dell’intero lotto e si inserisce di diritto fra i migliori pezzi della band: quasi quattro minuti di liriche devianti scandite da un beat netto e incessante; mentre Adeline e Pleader sembrano brani (ingiustamente) scartati dal precedente This is All Yours. Nel mezzo di queste prove Last Year vive di luce propria, opaca e magica allo stesso tempo.

Il ritorno sugli scaffali degli alt-J non poteva che esser questo, un lavoro intellettuale dove il cuore riesce comunque a rivestire un ruolo non marginale. L’evoluzione del gruppo inglese passa attraverso il semi-abbandono della “triste sincope” come elemento essenziale della loro musica, verso delle scelte più canonistiche ma non per questo meno originali o, peggio ancora, ispirate. Il tutto riuscendo a caratterizzarsi in maniera efficace.

Non è un lavoro perfetto e molto probabilmente non può essere accostato alle vette toccate con l’album d’esordio, ma riesce nell’obiettivo di non farlo rimpiangere. Gli alt-J non hanno intenzione di mollare e Relaxer sembra essere – oltre che il titolo di un album – una dichiarazione di intenti: relax guys, we’re here to remain!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close