Menu

Recensioni

Calliophis – Cor Serpentis

2017 - Solitude Prod
sludge / doom

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. The Cleansing 
  2. Yuki Onna 
  3. Edge of Existence 
  4. Munk (Heart of Stone) 
  5. Seven Suns 
  6. Isolation 

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sono sei brani in tutto; il più breve arriva agli 8 minuti e 52 secondi. Questa immane creatura serpentiforme fuoriesce da Lipsia. È un quartetto con due chitarre e volume da vendere.

Da premesse di sludge spaziale e gettato in pasto a tastiere che viaggiano alte 8 miglia, emerge un intreccio di nu-folk per solitari, in una trama consueta che inizia da un’ intro delicata per poi deflagrare. E quando la valanga metallica esplode, ha tutta la violenza che esibiscono i poemi degli Inter Arma e i riff magmatici dei Pallbearer, lasciando spazio sia ad una vocalità draconesca fatta di growl estremo, quanto a spazi di assolo che lambiscono una melodia rimasticata dalla voracità di un doom che non lascia scampo, pur tentando di levarsi tra le nuvole rossastre di un’atmosfera malata; provare la devastazione conclusiva di Isolation per essere certi di stare tra le spire di un esausto Mostro elettrico, anche se i passaggi più affascinanti stanno nell’epopea fantasy di Edge Of Existence.

Mastodontico e preistorico, ostico e senza panorami sonori indimenticabili; abbastanza variegato nel timbro e sempre stentoreo, fin troppo scolpito com’è nel continuo ripetersi dello stesso tempo medio e dello stesso riff. Per assidui cultori di quello stile che ha ancora Isis e Neurosis come insuperati apripista.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close