Menu

Recensioni

Papa Roach – Crooked Teeth

2017 - Eleven Seven Music
nu-metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Break The Fall
2. Crooked Teeth
3. My Medication
4. Born For Greatness
5. American Dreams
6. Periscope feat. Skylar Grey
7. Help
8. Sunrise Trailer Park feat. Machine Gun Kelly
9. Traumatic
10. None Of The Above
11. Richochet (BONUS TRACK)
12. Nothing (BONUS TRACK)
13. Bleeding Through (BONUS TRACK)


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sono passati vent’anni esatti dalla pubblicazione del loro album di debutto, “Old Friends From Young Years“: ora, in un’epoca in cui sembra esserci sempre meno spazio per il nu-metal stile vecchia scuola, i Papa Roach decidono di ritornare a quel suono aggressivo con cui li abbiamo conosciuti, senza tuttavia –la precisazione è d’obbligo- escludere elementi moderni e al passo con i tempi.

Dopo un primo singolo, Help, rilasciato il 17 febbraio scorso, il gruppo capitanato dalla coppia di ferro Shaddix/Horton ha completato un album dal sound decisamente energico, che si colloca al nono posto nella serie di produzioni da studio della band.

“Crooked Teeth” è appunto questo: un’azzeccata combinazione tra accenni hardcore, punk e nu-metal in una particolare ottica di rivisitazione in chiave moderna. Soffermandosi un istante di più su quanto detto da Nicholas “Ras” Furlon, che ha partecipato alla produzione insieme a Colin Brittain: “l’idea era quella di prendere i classici elementi dei Papa Roach che tutti amavano e rinnovarli in una versione moderna del suono attraverso il processo creativo”.

Quali parole potrebbero spiegare meglio il lavoro fatto? Un percorso che, se da una parte tende a volgere lo sguardo al passato, a recuperare i suoni decisi, aggressivi e rabbiosi che hanno reso celebre la band tra la fine degli anni ’90 e l’inizio dei ’00, dall’altra inserisce novità e componenti rap-rock, per un risultato che non può certamente deludere anche i fan più nostalgici.

Veniamo alle collaborazioni: in due dei brani della tracklist compaiono Skylar Grey e Machine Gun Kelly, rispettivamente in Periscope (il pezzo più “tranquillo” del disco) e in Sunrise Trailer Park.

Disponibile in due versioni, una standard –che comprende 10 tracce- e una deluxe -10 a cui si aggiungono 3 canzoni nuove più altre 16 live dal Fillmore di Detroit- questo album è un’esplosione di punk/metal che fa pochi sconti.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close