Menu

Recensioni

Pulled Apart by Horses – The Haze

2017 - Caroline
rock / alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.The Haze
2.The Big What If
3.Hotel Motivation
4.Prince Of Meats
5.Neighbourhood Witch
6.Lamping
7.Flash Lads
8.Moonbather
9.What’s Up Dude
10.Brass Castles
11.My Evil Twin
12.Dumb Fun


Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Pulled Apart by Horses (PABH) vestono sempre uguale. I Ramones hanno basato la loro fortuna proponendo sempre la stessa formula vincente nel tempo, senza mai essere banali, questo però non è il caso dei PABH, che hanno esaurito la loro carica già dopo il primo album. Il loro arrancare li ha portati al quarto album “The Haze”. A loro favore bisogna comunque riconoscere il lavoro svolto sul suono e sulla forma delle loro tracce, che nel tempo si è affinata, limando gli angoli più ruvidi dell’esordio per raggiungere un livello d’intensità che è il loro solito pugno nei denti, stavolta però tirato indossando un guanto di velluto.

L’album apre con The Haze, traccia dal suono compatto e ben costruita ma senza un motivo d’essere preciso cui segue The Big What If. Qui le cose cominciano a farsi un po’ più interessanti, sicuramente è tra i pezzi più accattivanti del disco, in alcuni punti strizza anche un po’ l’occhio agli ultimi Nirvana. Hotel Motivation fa pensare che i ragazzi siano riusciti a imboccare la strada giusta nonostante l’alta velocità, un’impressione questa che però dura poco. La successiva Prince of Meats ci mostra la verità dei fatti, i Pulled Apart by Horses continuano a impantanarsi nei soliti suoni e riff urlati che mancano di originalità.

Il disco scorre senza sorprese fino a Flash Lads dove i PABH scoprono una sensibilità Power-pop inedita in precedenza. Malgrado ciò, fino alla fine dell’album, i PABH si rifanno alla loro forma classica con qualche buona traccia da evidenziare come Moonbather e My Evil Twin.

In definitiva i Pulled Apart by Horses hanno fatto di nuovo il loro compitino con “The Haze”. Non hanno dato nulla di nuovo alla fiorente scena musicale di Leeds. Con i PABH resta l’amaro in bocca, perché i ragazzi hanno un grande potenziale che non riesce a esprimersi appieno. Sono intrappolati in una gabbia fatta di punk e hardcore, da cui non riescono o non vogliono evadere, un vero peccato.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close