Menu

Recensioni

Sannhet – So Numb

2017 - Profound Lore
post-metal / shoegaze

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Indigo Illusion
2. Sapphire
3. So Numb
4. Fernbeds
5. Salts
6. Way Out
7. Secondary Arrows
8. Sleep Well
9. Wind Up


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Era difficile catalogare i Sannhet con il precedente “Revisionist”, ed è ancora più difficile farlo oggi, con il nuovissimo “So Numb”, in cui la loro miscela esplosiva e selvaggia di black metal, post, noise e shoegaze si è fatta ancora più elaborata, complessa, misurata e armonica, ma non per questo meno affascinante e coinvolgente.

Il trio di Brooklyn, che nel frattempo è sbarcato su Profound Lore e ha scelto di affidarsi alle mani di uno come Peter Katis (Interpol, Mercury Rev, The National…), con il terzo passo della propria discografia sceglie di tracciare un solco spesso e pesante tra il mare e l’oceano, tra le miriadi di visioni artistiche altre e il proprio personalissimo e inimitabile approccio alla materia. Quello dei Sannhet è un rapporto costante con un universo emotivo tormentato, che non ha bisogno di parole per essere vissuto.

La definizione di “strumentale” è dunque puramente formale: i nove capitoli di “So Numb” utilizzano a pieno tutto l’arsenale della band, che gioca costantemente con ritmo, melodia, atmosfera e creatività, mettendo in scena il racconto dettagliato di un continuo saliscendi tra i flutti dello spirito, una rappresentazione contrastante ma alla fine unitaria e concreta di un’identità stratificata.

È un lavoro energico e movimentato, che si pone in perfetta antitesi con l’attitudine più tipica del post-metal, spesso adagiato su di una passività languida, in cui le emozioni guadagnano terreno a poco a poco. Qui invece il piano emotivo travalica spesso il difficile equilibrio tra testa e cuore: le melodie, dolorose e dissocianti, che già erano il segno tangibile del talento dei Sannhet nei due precedenti lavori, vengono estremizzate in tutti i brani, regalando ad ognuno uno svolgimento ed un climax diverso, ora più onirico e intangibile, ora più crudo e viscerale.

Non ci sono sostanzialmente momenti di stasi in “So Numb”, ed è bello ammirare come elementi ed influenze diverse si fondano in un ensemble che suona estremamente compatto: è così in Sapphire, dove riff eterei trovano un naturale sbocco in uno dei momenti del disco in cui il black assume il carattere predominante (come nella title-track, vero esempio di cosa dovrebbe essere il blackgaze oggi), o ancora in Way Out o Indigo Illusions, con la prima che esplora e conquista il mondo dei blastbeats, mentre la seconda lavora ai fianchi una bellissima miscela di noise e shoegaze.

Rispetto al passato i Sannhet si dimostrano spesso più riflessivi, rallentando i ritmi e pensando alle idee piuttosto che all’urgenza di sparare. Salts, Secondary Arrow e la lunghissima Fernbeds sono in questo senso importanti picchi emozionali, che da un lato esaltano la capacità compositiva della band, perfettamente a suo agio anche senza il piede sull’acceleratore, dall’altro consentono un’esplorazione completa e sensibile dello spettro emotivo. “So Numb” sa regalare infatti momenti di piena tristezza e di rassegnazione, ma anche di speranza, consapevolezza, fiducia e perfino il conclusivo noise-ambient di Wind Up ne è un momento fondamentale.

Difficili da etichettare, ma meravigliosi da scoprire, i Sannhet devono essere un punto di riferimento per chi cerca di capire come la musica possa raccontare tutte le emozioni di una vita senza usare le parole.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close