Menu

Recensioni

Atariame – Fear Is The World

2017 - Constellation Tatsu
experimental / dream pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Always The Youngest
2. Sweet Taste Of Being Accepted
3. Lying Awake
4. Fluffy Paws
5. Travel Burnout
6. The Pretty Takes It All
7. Glasses Disaster
8. Hello New Day


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Cosa succede quando si registra un pugno di canzoni sotto il cielo plumbeo di San Pietroburgo? Chiedetelo ad Atariame. La cantautrice di origine russa non ce la racconta giusta sulla sua provenienza, perché qui di terrestre non c’è nulla.

In una costellazione che ogni giorno aggiunge un tassello nuovo al quadro generale di voci femminili di prepotente bellezza la nostra comincia a rilucere tra le grandi dimostrando di avere tutte le carte in regola per non essere da meno al fianco di St. Vincent e/o Anna Von Hausswolff. A differire sono semplicemente i mezzi e la zona d’estrazione, ma c’è sempre tempo per un bel level up, basta aver pazienza.

Fear Is The World” è di per sé un titolo che non lascia adito a speculazione alcuna, poiché di paura è impregnato dalla prima all’ultima nota. Un terrore al calor bianco che si avvinghia alle montagne russe dei generi che vanno a comporre gli otto brani del lotto. È proprio il suo essere mutevole che fa di questo album una piccola perla underground (quello vero), oltre ovviamente alla voce di finissimo cristallo della stessa cantante.

Nebulose droneggianti (Always The Youngest) fanno compagnia a deliqui noise-pop intinti nella nebbia (Lying Awake) e si perdono in immense soluzioni synth-pop degne di Zola Jesus (Fluffy Paws). Anche quando la faccenda si fa più folkish non viene a perdersi una goccia della vena avant-pop (Sweet Taste Of Being Accepted, Travel Burnout) rimanendo fissa sulla ricerca di soluzioni mai scontate (The Pretty Takes It All) e di assoluta piacevolezza dreamy (Glasses Disaster).

Nel caso in cui là fuori fosse rimasto ancora qualcuno convinto che sia il sole a battezzare il mondo del pop è il caso che si ricreda e per non farlo a scatola chiusa consiglio vivamente di immergersi piedi e mani in questa piccola tape tanto fragile quanto sorprendente.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close