Menu

Recensioni

Lento – Fourth

2017 - Consouling Sounds
post-metal / sludge

Ascolta

Acquista

Tracklist

  1. A Penchant For Persistency
  2. Some Disinterested Pleasures
  3. Undisplaceable Or A Hostile Levity
  4. A Gospel Of Resentment
  5. Last Squall Before The Crack
  6. Cowardly Compromise
  7. In Itself
  8. Self Conviction Or Belief
  9. Let Bygones Be Bygones (A Grievance)
  10. A Matter Of Urgency

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Lento sono una band anomala nel panorama musicale underground italiano. Dopo anni di attività, live in lungo e in largo in Italia ed Europa ed ottimi dischi in studio, sono riusciti a trovare una propria strada musicale personale, ricca di sfumature e sfaccettature profondamente diverse, a tratti lontanissime tra loro, riuscendo però nell’intento di raggiungere un equilibrio davvero notevole e degno di nota.

In realtà già con il loro precedente “Anxiety Despair Languish” era evidente un netto processo di maturazione che in “Fourth“, ultimo fresco lavoro uscito per la belga Consouling Sound, è ancora più evidente e dimostra un ulteriore salto di qualità. La peculiarità più grande dell’ora trio romano strumentale è appunto la capacità di mescolare in maniera omogenea tutte le influenze musicali del “mondo Lento”, che vanno dallo sludge atmosferico al post-hc, passando attraverso cambi di registro math, improvvise sfuriate al limite del black metal e pause inquietanti dal sapore drone-ambient, che non fanno altro che accrescere la tensione in maniera assolutamente personale. 

Sfido chiunque a dire: “i Lento suonino come…”. Certo, alcune linee guida si possono intuire, ma rimane difficile accostarli in maniera netta a qualsiasi altra realtà italiana e non solo. Risulta così complicatissimo, se non impossibile, descrivere in maniera approfondita ognuno dei dieci episodi che compongono il lavoro, dieci frammenti a comporre un unico variegato affresco profondamente dark e decadente, che assume un senso unitario solo una volta terminato l’ascolto.

L’universo dei Lento è a tinte esclusivamente oscure e complesse: basti ascoltare l’iniziale A Penchant For Persistency, una sorta di manifesto programmatico musicale, per rendersi conto che il viaggio che spetta l’ascoltatore sarà complicato e difficile. È forse questo l’unico limite della band, il fatto che non siano immediatamente accessibili. I Lento non sono per tutti, e a tratti può risultare ostico riuscire ad assimilarli, ma se si avrà la forza di provare a penetrare la loro corazza nera e spigolosa si rimarrà meravigliosamente affascinati e colpiti.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close