Menu

Recensioni

Perfume Genius – No Shape

2017 - Matador
art pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Otherside
2. Slip Away
3. Just Like Love
4. Go Ahead
5. Valley
6. Wreath
7. Every Night
8. Choir
9. Die 4 You
10. Sides (feat. Weyes Blood)
11. Braid
12. Run Me Through
13. Alan


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Da una parte il mondo del pop, soprattutto negli ultimi sette, otto anni, ha subìto un’evoluzione verso lidi altri rispetto alla propria natura puramente radiofonica andando a parare in un altrove leggermente meno plastificato. Non è però da poco che si parla di art-pop e non sono molti a fregiarsi a ragion data di questo epiteto di genere. Tra questi figura senza ombra di dubbio Mike Hadreas, titolare del progetto Perfume Genius.

L’artista di Seattle ha il pregio di rendere fruibile e poco scontato qualcosa di ampiamente abusato in questi anni di mutazione genetica della musica e commistione invereconda degli stilemi. Se vivessimo in un mondo giusto e composto da persone meno sorde e dal gusto ancor meno opinabile al posto di Ed Sheeran all’attenzione dei più ci sarebbe proprio il cantante proveniente dallo stato di Washington. Così non è e dunque ci sono artisti che restano campioni dei circuiti più hipster, il che – anche se poche volte – non è per forza un male.

No Shape” è il quarto capitolo dell’avventura musicale del nostro ed è una piccola perla che non dovrebbe finire nel dimenticatoio di questi anni usa-e-getta, o almeno questa è ciò che si augura chi scrive. A differenza dell’altro “eroe” della “scena” Arca, PG ha la capacità di rendere interessante la materia popular senza tramutarla per forza in uno sproloquio elettrogenetico e labirintico della stessa. A rendere multisfaccettato e pregiato il disco c’è una forza soul che alza la temperatura (Go Ahead), un tocco indie-folk delicato e brillante (Valley, Every Night, Die 4 You), esplosioni colorate e scintillanti (Otherside), un forte sapore radiofonico/elettronico ad altissimo voltaggio (Wreath) oltre ad una buona dose di foliès cameristiche (l’assurda toccata Choir). Una menzione particolare va rivolta a Sides, bomba plastic pop-rock eighties in cui il nostro condivide il microfono con la brava Weyes Blood.

In un anno di anemia melodica sul fronte mainstream Perfume Genius illumina il cammino e ristabilisce il contatto sano tra un mondo alternativo ed uno più fruibile che troppo spesso sta perdendo colpi lasciando sempre più spazio al nulla.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni