Cinema

La categoria contiene 321 articoli

Pride, di Matthew Warchus

Regno Unito, 1984. Mentre lo sciopero dei minatori sta impazzando da quasi un anno, a causa della politica di chiusura delle miniere da parte del governo Thatcher; un gruppo di manifestanti gay trova nella causa dei minatori una possibilità per schierarsi al fianco di chi come loro lotta giornalmente per farsi accettare. Quando trent’anni or […]

Due Giorni, Una Notte, di Luc e Jean-Pierre Dardenne

Sandra, un’operaia di un’azienda che fabbrica pannelli solari, ha un fine settimana per persuadere i propri colleghi di votare a suo favore, in palio c’è da un lato un bonus per ogni collega, dall’altro il suo posto di lavoro. Il lunedì mattina i suoi colleghi dovranno votare nuovamente per decidere cosa preferiscono: se avere ancora Sandra come collega o se accettare il bonus propostogli dall’azienda.

Lo Sciacallo, di Dan Gilroy

Louis Bloom, un piccolo ladro di Los Angeles, s’imbatte per sbaglio in un incidente stradale e nella troupe che lo riprende per poter rivendere il servizio al miglior canale offerente; da quel momento Louis si avvicina al mondo delle riprese notturne iniziando a rivendere i suoi servizi a un canale TV in particolare.

Confusi E Felici, di Massimiliano Bruno

Marcello, uno psicanalista di successo, cade in depressione per ragioni di salute e decide di interrompere la propria attività. I suoi pazienti, tutti quanto meno singolari, cercheranno di aiutarlo ad uscire dal suo stato depressivo assieme all’aiuto di un altro psicanalista.

Tutto Può Cambiare, di John Carney

Dan è un famoso produttore discografico indipendente, caduto in disgrazia. Greta una promettente cantautrice lasciata dal fidanzato dopo che assieme erano arrivati a New York per ottenere fama e denaro, ma una volta raggiunta il ragazzo l’ha lasciata. Dan propone a Greta di incidere assieme un disco per cercare di capire se assieme potranno superare i rispettivi momenti negativi.

We Are The Best!, di Lukas Moodysson

Nella Stoccolma del 1982 c’è chi si è arreso. Sono passati già cinque anni, il punk è morto, è diventato una puttanata commerciale, ormai vanno i Joy Division. E poi c’è chi ci crede ancora.

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi