Impatto Sonoro
Menu

HOWIE B, MARLENE KUNTZ e JACQUES MORELENBAUM per la prima assoluta di INDEEPANDANCE

NEL KOLOSSAL DEL FUTURO
ALL’ARENA CIVICA DI MILANO DAL 12 AL 14 SETTEMBRE

Fervono i preparativi per la prima assoluta di Indeepandance, il kolossal audiovideo presentato nell’ambito del Music Across, l’innovativa opera prima della Regione Lombardia con la direzione artistica di Caterina Caselli Sugar, in cartellone a Milano dal 12 al 14 settembre prossimi. Indeepandance è un grande progetto multimediale che stanno finendo di mettere a punto in questi giorni il compositore Vittorio Cosma, i videoartisti Masbedo (Nicolò Massazza e Jacopo Bedogni) e lo scrittore Aldo Nove. Attraverso musiche, suoni, poesia, immagini, danza e parole, Indeepandance racconta, in 13 quadri, il disagio dell’uomo alle prese con il mondo contemporaneo; un viaggio che tocca i temi cruciali del Pianeta, dalla biologia all’universo, dalla pubblicità allo scorrere del tempo, ai sentimenti più profondi dell’uomo. Una grande astronave stazionerà all’Arena Civica di Milano per 3 giorni durante i quali si alterneranno grandi ospiti italiani ed internazionali: il gruppo rock Marlene Kuntz con Gianni Maroccolo, il musicista e produttore scozzese Howie B, il grande violoncellista brasiliano Jacques Morelenbaum, il produttore trip-hop Richard Dorfmeiester, il gruppo islandese di musica elettronica MùM, il dj e fondatore dei Subsonica Boosta, il trombettista norvegese Nils Petter Molvær, il direttore d’orchestra, contrabbassista e compositore islandese Borgar Magnason. L’astronave è costituita da una videoinstallazione composta da 4 megaschermi di 16 metri di lunghezza e 9 di altezza sui quali scorreranno le immagini del viaggio musicale e visivo nell’uomo e nell’universo in cui abita. Le immagini e le musiche di Indeepandance provengono da diverse parti d’Europa: dagli studi di registrazione della Real World di Peter Gabriel in Inghilterra con Richard Evans e David Rhodes , all’Islanda di Bjork e dei Sigur Ròs nei cui studi, e con l’aiuto del suo staff, sono state realizzate parte delle composizioni, da Londra, dove ha dato il suo contributo Stewart Copeland dei Police a Zagabria con l’Orchestra della Radio di Stato e il contributo di Borgar Magnason. E ancora Elisa, Marlene Kuntz, Michel Houellebecq, Howie B, Mùm, Gianni Maroccolo. Al termine di Indeepandance, Howie B, Dorfmeister e Boosta proporranno, nel corso delle 3 serate, la Silent Disco, un’innovativa dj session in cui ogni spettatore verrà dotato di una cuffia e potrà ballare ‘immerso nel silenzio’.

Biglietti e prevendite sono a cura di Ticket One, e disponibili su: www.musicacross.it/t_programmi.html.

www.myspace.com/musicacross

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!