Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Neverdream – SOULS – 26 April 1986

2008 - Self / Kick Agency
prog-metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Silence
2. Burning the Hopes
3. Victims
4. Across the Tears
5. Looking the Lies
6. Waterfall
7. City of Ghosts
8. Souls

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Geniale! Questo album è geniale! Chiariamoci subito, a me il prog non piace per niente, troppa tecnica, troppa “elevazione”, poco pathos. Ora, al contrario di ogni mia aspettativa, questo disco grida al miracolo. Perché? Perché ci sono mille spiegazioni, a partire dal suono perfetto, dall’idea del concept e da mille altre cose che ora andrò a delucidarvi.

I Neverdream sono un gruppo nato nel 2000 in quel di Roma, con all’attivo due album e un Ep. La musica che ci propongono è un prog malinconico a tratti dark, con qualche sparata gothic. Ora, in base alla mia personale esperienza, non è semplice trovare il perfetto connubio tra tecnica e pathos; svariati gruppi, italiani e non, ci hanno provato fallendo a mio avviso miseramente; i Neverdrem no! Sono riusciti a sviluppare un personale sound, a tratti malinconico, a tratti decadente sempre però mantenendo alto il valore della musica suonata. L’album ha un personale concept basato sulla tragedia di Cernobyl dell’86, melodie che ti cullano durante l’ascolto e ti catapultano verso un mondo devastato dall’esplosione nucleare, verso tutti i problemi psicologici, fisici e sociali che ha creato. Sinceramente non mi va di elencarvi le canzoni che potrebbero piacere o ammaliare perché l’album va sentito per intero, senza pause: vi toccherà in maniera paurosa, penserete di essere là, di vedere le persone avanzare in un cumulo di polvere, immaginerete mamme che scavano sotto macerie per cercare i loro figli, la tristezza più infinita. I pezzi son ben strutturati, suonati magnificamente e registrati ancora meglio: i Neverdream hanno scelto il meglio, gli Indiscrete Audio Studios di Achim Koehler, studio in cui sono passati anche Nevermore, Amon Amarth, Sodom, ecc. Per concludere, questo è un album che non dev’essere lasciato nella polvere, abbiamo tra le mani un grande gruppo con un grosso bagaglio culturale e musicale, quindi UP THE HORNS!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni