Menu

Recensioni

Caribou – Swim

2010 - Merge
elettronica/sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Odessa
2. Sun
3. Kaili
4. Found Out
5. Bowls
6. Leave House
7. Hannibal
8. Lalibela
9. Jamelia

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ritorna sulla scena musicale, a tre anni di distanza dal suo ultimo lavoro (Andorra), la one man band di mr. Dan Snaith alias Caribou.
Ritorna e lo fa in grande stile, spiazzando il pubblico con l’abbandono di quelle sonorità psichedeliche e kraut che lo avevano contraddistinto in passato. Il nuovo prodotto dell’ex Manitoba rappresenta il raggiungimento della tanta agognata maturità musicale che molti sognano, ma che in pochi riescono a raggiungere.

Swim è l’album della conferma di un grande artista, il quale riversa nelle tracce che lo compongono la sua ossessione e il suo rapporto di amore/odio per l’acqua e i liquidi in generale, ecco spiegato il titolo dell’album.
Le tracce dell’ LP scorrono così in maniera fluida, senza intoppi, chiare e limpide, spogliate di quei fronzoli e particolari ampollosi che ci si potrebbe aspettare da un album di musica dance.
Il continuo flusso sonoro che permea il disco irretisce i sensi e li rilassa, accompagna chi si lascia condurre e trascina chi è recalcitrante come un fiume di note in piena.
Caribou propone un’elettronica colta, mai ruffiana o scontata, una melodia forgiata da affascinanti quanto placidi loop vocali e definite cowbells.Le geometrie compositive sono ricercate e non trascurabili, ogni traccia è sorretta da elementi preziosi che contribuiscono a fornire una natura tanto matematica quanto mistica all’intero prodotto. Un lavoro ben strutturato in cui la drum machine condanna l’ascoltatore a vivere in un continuo trip sonoro, gentile e lieve come il mare di notte.
Le ritmiche aliene e le melodie lunatiche consolidano l’album, un album in cui mr. Snaith non esita a mettersi alla prova, cercando di riprodurre i suoni fluidi a cui è così devoto.

Si passa da un’eco che richiama il cozzare delle conchiglie marine (Bowls)  a richiami in stile french touch aggraziata (Lalibela), il tutto in una cornice di musica elettronica aristocratica e minimale, in cui ogni elemento è ben studiato e in cui nulla è affidato al caso, ma bensì a una precisione razionale e rigorosa, proprio come quella che ci si aspetta dai grandi musicisti.Su voci trascendentali e sognanti (Kaili) e singoli azzeccati per ritmo e sonorità (Odessa) Swim abbraccia i sensi dell’ascoltatore così come fa la spuma del mare con la sabbia della spiaggia.

Ogni resistenza è vana, bisogna solo rilassarsi e lasciare che la corrente di pentagrammi colorati e note elettriche ci conduca verso lidi incerti e lontani. Verso spiagge spaziali.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close