Impatto Sonoro
Menu

Photo-Reportage: MAX ZANOTTI (Deasonika) – Dissesto Musicale, Roma, 16 marzo 2011


Notice: Only variables should be passed by reference in /home/terzooccvq/impattosonoro.it/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_basic_singlepic/package.module.nextgen_basic_singlepic.php on line 35

Notice: Only variables should be passed by reference in /home/terzooccvq/impattosonoro.it/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_basic_singlepic/package.module.nextgen_basic_singlepic.php on line 35

Avevamo lasciato Max Zanotti impegnato in più di un progetto musicale, chiedendoci quando sarebbe tornato a donarsi completamente e sconvolgerci con la sua voce.
Dopo la chiusura definitiva e lo scioglimento dei Deasonika e oltre il forte impegno dimostrato con i Rezophonic (progetto volto a devolvere i ricavi all’AMREF, che si occupa di migliorare la condizione di vita e salute in Africa, lodevole iniziativa) abbiamo infatti altre collaborazioni con varie personalità della scena musicale italiana: un singolo con L’Aura; partecipazioni con Floriano Bocchino e Dj Mike (Men in skratch).

Max in fin dei conti non si è mai fermato davvero; il tour acustico da solista intrapreso in questi ultimi mesi è una piattaforma di lancio: colma in un attimo il tempo trascorso squarciando l’aria intorno, frantumandola con intime melodie e un’energia inaspettata.
Un live in cui lasciarsi cullare da un insolito calore difficilmente contemplabile, un calore che è la somma delle emozioni regalate dall’intreccio di voce e musica, perfettamente assortite.

Max Zanotti si racconta proponendo molti dei successi del suo attivo musicale: brani risalenti ai Deasonika quali “La mia veste”, “Il giorno della mia sana follia”, “Settembre”; “Uomo di plastica”, famosissimo brano dei Rezophonic. Riarrangia con abilità artistica i propri pezzi attraverso l’uso di loop e tappeti armonici coprendo più stili: un encefalogramma mai piatto.
Picco di emozione sulle inaspettate cover di “Teardrop” dei Massive Attack e “Coma White” di Marilyn Manson.

Dopo un’ora e mezza di ininterrotto spettacolo ed un pubblico entusiasta Max ci confida –ma a gran voce- l’uscita (prevista per settembre circa) del suo nuovo album solista.
Vi allerto: siate pronti, stando a quest’ultimo live e nonostante le indiscrezioni su un generale stravolgimento del genere… Vi sorprenderà come ha fatto con me quest’oggi.

a cura di Silvia Cerri


Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?