Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Crystal Stilts – In Love With Oblivion

2011 - Slumberland
garage/rock/psych

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Sycamore Tree
2. Through The Floor
3. Silver Sun
4. Alien Rivers
5. Half A Moon
6. Flying Into The Sun
7. Shake The Shackles
8. Precarious Stair
9. Invisible City
10. Blood Barons
11. Prometheus At Large

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Crystal Stilts hanno un progetto chiaro in testa, e a ben vedere non si tratta di nulla di particolarmente originale: recuperare sonorità tipiche della dark wave britannica che fu, ovattare all’estremo il sound di band quali Jesus & Mary Chain (o scavando ancora più indietro nel tempo degli indimenticati Joy Division), e contaminare il tutto con un mood inevitabilmente newyorkese, dei quali, ne siamo certi, i nostri non andranno per nulla fieri. Lo sanno fare bene, e gli si va riconosciuto.

Questo, e poco altro, era Alight of Night, full-lenght album d’esordio risalente al recente 2008, osannato da critica e nostalgici di certe sonorità, convinti sostenitori che giganti quali Interpol o Editors suonino troppo “fighetti” e mainstream. Si trattava di un buon disco, intendiamoci, ma con evidenti pecche di personalità.
A distanza di tre anni ecco venire alla luce In Love with Oblivion, lavoro nel quale i trampoli di cristallo mantengono inalterata formazione, etichetta e anche la mission della precedente fatica, nonostante qualche novità interessante, e un minimo di personalità artistica, inizino piacevolmente ad intravedersi. La proposta musicale dei Crystal Stilts è un indie garage – rock n’roll dai toni dark, sempre condizionato da influenze british,  con lievi venature psichedeliche, stavolta amabilmente guarnito da atmosfere spaziali, come l’artwork e i titoli delle canzoni lasciano ben intuire, rendendo l’album una sorta di concept opera cosmica. Espediente intrigante, e distintivo. Altro elemento pregevole che ne va ad arricchire il sound è un delizioso quanto sfuggente tappeto di organo, che nel suo incedere altalenante richiama lo stile del leggendario Ray Manzarek, rimandandoci inevitabilmente, seppur molto da lontano, all’opera dei Doors.  Musicalmente i Crystal Stilts non inventano nulla, questo è chiaro, ma i molteplici ascendenti che ne condizionano le sonorità sono assemblati in modo abile e seducente.

Finiti elogi e lusinghe, questa nuova uscita non è esente da punti dolenti: il principale riguarda senza dubbio la voce solista, monocorde e piatta oltre il limite di guardia, forse, nelle intenzioni di gruppo e produttore, per donare al disco quell’atmosfera tipicamente dark wave e rafforzare ulteriormente il clima spaziale. Qualunque sia il motivo, l’impressione è che la stessa risulti eccessivamente slegata dal contesto musicale, contribuendo non poco a rendere le linee vocali un po’ ridondanti e lagnose.
Il disco proposto, dopo un inizio piuttosto lento, assurge al proprio culmine qualitativo nella parte centrale, dalla quale spiccano canzoni quali l’ottima Flying Into the Sun, il singolo Shake the Shackles e Precarious Stair, che esprimono in toto le peculiarità dei Crystal Stilts, esaltandone i pregi. La musica del combo newyorkese suona decisamente cinematografica tanto che se Tarantino decidesse di ambientare il prossimo film su Marte (Dio non voglia!) gli consiglieremmo vivamente di affidarsi a loro per la colonna sonora.

In Love with Oblivion si presenta come un album discreto che trova nella sua componente strettamente musicale (riff sporchi, chitarrine ammiccanti, eccellenti giri di basso e il già citato sapiente uso dell’organo) la sua migliore espressione, e in parti cantate troppe soporifere il suo peggior difetto, unitamente ad una registrazione non del tutto convincente.  E’ possibile che i Crystal Stilts riescano a trovare una nicchia di malinconici amanti degli eighties dei quali diventare idoli assoluti, ma forse la strada per diventare gruppo di riferimento (ammesso che lo vogliano, ed è più che probabile il contrario) è ancora lunga, sebbene in parte tracciata, e la ricerca di una maggiore personalità artistica è un elemento imprescindibile per non risultare l’ennesima band di talento persa nel nostalgico tentativo di rinverdire tempi che furono.
Fatte salve queste considerazioni, i Crystal Stilts meritano attenzione e un ascolto, o più, è senz’altro consigliato.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=frvlSkqorYM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?