Impatto Sonoro
Menu

Interviste

Intervista doppia a JEMEK JEMOWIT e PETRA FLURR

Che ci porta in una quasi “ormai lontana” notte pisana all’ Ex Wide ? La festa di apertura dell’ass. Wardance che si sta inserendo sempre con maggior passione e carisma all’interno della scena toscana in quanto a organizzazione e supporto di live e acts: basti pensare ai prossimi concerti di Gothika, Attrition e quelli di Halo Effect, No More e Psyche ( di quest’ultimi a breve un’intervista!!). Band che hanno segnato la scena wave\minimal\EBM.
Questa sera, insieme alla collaborazione con TiQ (Tanz Im Quadrat) di Berlino, ci troviamo di fronte a due attori\dandy del synth punk più underground e provocatorio che ci sia capitato ultimamente di ascoltare. Una fusione celebrolesa e drogata di transessualità, pornografia letteraria e synth assurdi: Jemek Jemovit & Petra Flurr, entrambi interessantissimi artisti della scena berlinese.
Abbiamo fatto alcune chiacchere con loro.
A cura di Michele Guerrini.

Si ringraziano Wardance & Tiq per la loro collaborazione.

 

JEMEK JEMOWIT

Michele: Ciao Jemek come va?
Jemek: Tutto bene grazie!

M: Sei appena stato in tour qui in Italia, come è andata?
J: è stato veramente grandioso. Mi sono letteralmente buttato dentro la dolce vita: vino, pasta, espresso e Ivan Cattaneo!! Io e il mio migliore amico Petra Flurr (con cui ha condiviso il tour ed il palco nda) abbiamo respirato con gioia l’aria italiana.

M: Passiamo ad una domanda un pò personale: come hai iniziato a suonare, a comporre, a pensare di fare il musicista?
J: Ho iniziato presto, molto presto e da solo a casa dei miei genitori. Non ho mai veramente pensato di suonare dal vivo, suonare su di un palco- ma venne fuori che potevo fare una performance nella palestra della mia scuola (ero alle superiori) e andò veramente bene. Rimasi soddisfatto e così cominciai a suonare nei club di Berlino.

M: Le tue composizioni sanno di dandysmo, e sessualità underground, quanto della tua vita è dentro le tue canzoni? Consideri la tua vita una forma d’arte in sè?
J: Ahahah sicuramente!! I AM THE DJ- I AM WHAT I PLAY (D.Bowie)

M: Com’è il contesto musicale in cui sei nato?
J: Io sono stato un grande amante della musica garage rock n roll – il mio idolo da teenager è e sempre resterà impresso nella mia mente : Tav Falco da Memphis. Dal garage alla New Wave, alla Minimal Wave, all’EBM le mie scoperte sono state tante e mi hanno affascinato tantissimo. Ora mi sto intrigando con il New Beat, l’Acid House e l’Hip Hop. Ma la mia (ri)scoperta più recente è l’Hardcore Techno. Il Rock’n’roll non è assolutamente solo chitarra e capelli alla grease!

M: Parlami di Berlino, come descriveresti la vita artistica che vi resiede e che ne pensi?
J: Berlino è la perfetta connessione, il perfetto centro di incontro tra band e artisti. La massa e il suo caos: la folla è in overflusso di party! Succede di conseguenza che la gente è talmente assuefatta che è un problema farla ballare!

M: Il tuo lavoro Wave and Groom è secondo me un ottimo punto di fusione di differenti influenze: synth punk, cramps, bowie\lou reed in una bizzarra, perversa versione: qual è il tuo obiettivo artistico?
J: Voglio sperimentare sempre e sempre di più e lasciarmi tutte le etichette e le loro “scene” dietro di me. Credo fortemente che le “scene” sono malattie per artisti e band; Hanno tantissimi taboo: la scena wave, goth, rockabilly e altri vinta gisti hanno e vivono con idoli che trattano come dei. Io non voglio copiare\incollare la musica che amo!

M: Grazie mille Jerek! È stato un piacere al prossimo live!
J: Yeah!! Alla prossima!

www.myspace.com/jemekjemowit

PETRA FLURR

M: Ciao Petra, anche tu sei appena tornato da un tour in Italia, com’è andato?
P: Pazzo, pazzesco. Sono stato in tour con il mio amico Jemek a Pisa, Firenze. Gente molto accogliente e professionale, e di fuori come poche!

M: Ci parli un po’ di come hai iniziato a suonare, a scrivere testi?
P: Ho iniziato a scrivere musica con il mio ex produttore nel 1998, facendo, sperimentando quella che si può definire della musica sperimentale demenziale. Poi andai a lavorare in un club a Madrid come referente pubbliche relazioni e trash gogo dancer, di lì a immaginare di mischiare comportamento sessulmente provocatorio con suoni elettro techno e musica wave tedesca degli anni ’80 non ci è voluto molto. E dal quel momento Petra Flurr è nato. Ora sto preparando le parti finali dell’album che vedrà la luce in estate, prodotto da me e Victore Lenis della Black Leather Records.

M: Io sono rimasto molto impressionato dall tue live performance. Come hai deciso di mischiare musica con espliciti riferimenti pornografici transessuali, e musica underground?
P: Mi ritengo molto influenzato dagli attivisti del Red Block e dalla cultura transgender femminsita che fiorì a New York negli anni ’80. Inoltre penso, come artista, di essere sia un Performer che un attivista, è il mio alter ego naturale!

M:Quanto è importante la sessualità nelle tue composizioni e arte?
P: Il Sesso è veramente importante. Io in verità sono Assessuale, ma mi piace l’idea di convertire l’hardporn in musica, un simpatico buffo fluido che esce fuori dalla mia mente.

M: Come dai orgine ad una canzone, quali sono le radici della tua creatività?
P: Nasce tutto nel posto giusto e nel momento giusto, comparendo sulla carta. Prima nasce il beat, poi scorrono giù I miei testi pazzi con un crudele senso dello humor e aggressività a cui non ho mai rinunciato! Poi studio studio e ancora studio fino al concepimento finale. Ma fondamentalmente tutto si riassume in un soffio!!

M: E le influenze che ti hanno formato di più?
P: Tante, come è naturale. Ma la più grande è stata mia madre!

M: Come è l’atmosfera musicale di Berlino?
P: Berlino sta divenendo sempre più commerciale, ed allo stesso tempo si arricchisce sempre di più di sente venuta da fuori che crea scene e nuove proposte. Il problema, stranamente, è la noia dovuta al fatto che i locali sono sempre gli stessi, ma è un falso problema, siamo tutti checche e criminali.

M: Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
P:I miei progetti sono: registrare con El Modernista il mio nuovo album come Petra Flurr che vedrà la luce presso Dead Scarlet Records Greece. E nel frattempo lavorare con Erik Dei Kider Aus Asbest (band di minimal wave) e The Horrorist (musicista elettronico di NY)… speriamo vada tutto bene!!!

M: Grazie ancora del tuo tempo a presto!
P: Grazie a te Michele!!!

www.myspace.com/petraflurrr

Che ci porta in una quasi “ormai lontana” notte pisana all’ Ex Wide ? La festa di apertura dell’ass. Wardance che si sta inserendo sempre con maggior passione e carismo all’interno della scena nord-toscana in quanto a organizzazione e supporto di live e acts: basti pensare ai prossimi concerti di Gothika, Attrition e quelli di Halo Effect, No More e Psyche ( di quest’ultimi a breve un’intervista!!). Band che hanno segnato la scena wave\minimal\EBM. Questa sera, insieme alla collaborazione con TiQ (Tanz Im Quadrat) di Berlino, ci troviamo di fronte a due attori\dandy del synth punk più underground e provocatorio che ci sia capitato ultimamente di ascoltare. Una fusione celebrolesa e drogata di transessualità, pornografia letteraria e synth assurdi: Jemek Jemovit & Petra Flurr entrambi interessanti artisti della scena berlinese.

 

Abbiamo fatto alcune chiacchere con loro.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?