Impatto Sonoro
Menu

Il Venerdì

Il Venerdì Di ImpattoSonoro #37: Galli, Galline, Barbapapà e Le Sexy Tifose Del Paraguay

Si ciba, e continuerà a cibarsi questa ruspante rubrica dedicata fondamentalmente al nulla. Perchè dopo una settimana e più di fatica, abbiamo bisogno di oziare, parlare di cose di cui parleremmo in un qualsiasi bar sport globale, o seduti su una panchina tra una trentina d’anni, ma più probabilmente anche prima. Oggi si parla di Galli, Barbapapà e Tette.

A cura di Vincenzo Lombino.

Animale musicofero e musicofilo della fauna editoriale italiana, l’Impatto Sonoro con l’arrivo dell’estate va in calore e si innamora perdutamente del primo animale musicante che gli capita sottomano.
Questo venerdì, in preda all’eccitazione più istintiva e genuina, lo sguardo dell’Impatto Sonoro ha incrociato quasi casualmente quello di uno splendido esemplare di Barbagallo, talmente bello e affascinante da corteggiarlo spassionatamente fin da subito, cuore in mano, e donargli 5 euro carichi d’amore e ammirazione già dalla seconda traccia. Amore a prima vista, passione a primo ascolto.

“Quarter Century”, l’album di Carlo Barbagallo (Albanopower) è passato quasi inosservato alla critica musicale, una delle poche webzine a parlarne è stata SentireAscoltare facendo riferimento alla coralità di quest’opera che raccoglie il meglio del meglio dell’underground italiano: Albanopower, Music For Eleven Instruments, Suzanne’Silver, Les Dix-Huit Secondes, Enablers, Tellaro, Wisdom Teeth, Diane And The Shell, Skrunch, Camera 237, Captain Quentin…tanti membri delle band più originali del nostro paese, unite da quel magnifico collante che è Carlo Barbagallo.
L’opera che ne esce fuori parte da certi lavori dei primi anni 70 (Wyatt? Soft Machine?), ma si attualizza con le pennellate violente di maestri del suono come: Giuseppe Schillaci, Lucia Urgese, Michele Alessi, Francesco Accardi, Dario Serra, Toti Valente, Mauro Felice e tanti altri.

E’ un lavoro forse a tratti vicino ad una compilation, per la varietà dei musicisti, ma è una compilation in cui ogni traccia sfocia perfettamente nella successiva e regala una stupefacente sensazione di completezza e coerenza.
Se fosse uscito per Sub Pop ora non saremmo qui a dovergli dedicare un Venerdì intero nell’amorevole speranza che qualcuno se ne accorga.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?