Impatto Sonoro
Menu

Il Diario Dell'Antigenesi

Indastria, The Klines, Andy Malloy, Mister Gangster: Il Diario Dell’Antigenesi #12

Questa rubrica vuole essere un diario, una raccolta di pensieri, emozioni e suggerimenti su ciò che ci colpisce dei gruppi emergenti. Demo, EP, first release, MP3, tracce singole, bandcamp, myspace, e-mail. Tutto fa brodo e armonia per riempire queste pagine con nomi di progetti sconosciuti o anomali. Ci piace semplificare il tutto e mettere in collegamento realtà, persone e pensieri. Un percorso anomalo e brutale che non tiene conto delle tradizioni e del giudizio conforme. Come un’abiura della genesi, vogliamo prendere strade evolutive e di pensiero anarchiche e indipendenti, per seguire la nostra ricerca di forme artistiche nuove, che muovono i primi passi nel caos della creatività.
Se volete segnalare il vostro materiale potete mandare una mail a: antigenesi@impattosonoro.it . Vi avvertiamo che tutto ciò che ci arriverà passerà esclusivamente per la scimmietta pesca voti. Siete avvertiti.

A cura di Fabio Gallato.

 

Indastria – I Giorni Del Pelo (Dreamingorilla Rec, 2012)
Su coordinate tipicamente Pattoniane, divagando qua e là in perfetto stile Deftones e anarchismo Primus, i padovani Indastria mettono a ferro e fuoco splendide annate di sana demenza giovanile, raccontata nei suoi alti e bassi in 10 pezzi di piacevolissimo crossover, ora più catchy e levigato (“Odio Il Mio Modo”, “Gaia”), ora più tagliente e spigoloso (“Orso Polare Droga”, “Karaburan”). In un solco istintivo e viscerale, che devia spesso e volentieri su sfumature grunge e industrial, gli Indastria ci regalano (il free download è qui) un bel modo di riconciliarci con un genere che negli ultimi tempi avevano dimenticato ad apprezzare.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=coDSl16hqx4[/youtube]

The Klines – I Figli Uccidono I Padri (Autoproduzione, 2012)
Temevo che nel 2012 per certo punk-rock non ci fosse più spazio. Fortunatamente le recenti reunion di Derozer, Shandon e Moravagine, o i cammini mai interrotti (nel bene e nel male) delle leggende di settore Punkreas e Pornoriviste sembrerebbero poter trasmettere nuova linfa vitale ad un panorama soffocato dall’inesorabile tempo che passa e spazza via l’ineluttabile affetto dei kids, oggi riservato ad altre realtà più relevant, come si suol dire. Perchè noi siamo cresciuti così, con quei testi impegnati che illuminano l’adolescente medio-ingenuo-innamorato (o il grillino rivoluzionario di turno) che si affaccia per la prima volta all’impegno nel sociale, con il pogo sempre e comunque, i truzzi al rogo e l’identità di ognuno di noi che si costruiva sotto i palchi. Ecco, “I Figli Uccidono I Padri” dei torinesi The Klines è tutto questo, è un disco di puro punk-rock italiano che ferma il tempo, lo scaraventa indietro di un decennio buono e funziona alla grande.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=G-G9qZ6-aME[/youtube]

Andy Malloy – Madre (autoproduzione, 2012)
Dietro un moniker di burtoniana memoria si nasconde un sorprendente power trio romano che, nonostante si travesta da emulo dei soliti e noti padroni del grunge, riesce a regalare più di una bella sorpresa a chi sa ascoltare con pazienza ed intelligenza. A partire dai classici riferimenti del caso, i nostri inanellano una serie di sterzate niente male: dalla Beatles-mania dell’ottima “Crocodile” alla psichedelia post-rock di “Tempesta”, dal cantautorato shoegaze di “Mother” e “Beautiful Disaster” alla spigolosa lentezza di “Let It Snow”, è tutto un dentro e fuori dal protettivo steccato del genere, puntando la bussola con classe e maturità in direzione di un alternative rock variopinto e variegato che sa dribblare con abilita ogni stanca scorciatoia e fa di “Madre” un debutto assolutamente promettente.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=15WxxnAViB4[/youtube]

Mister Gangster – Pizza Connection (Fasullo Records, 2011)
“Pizza Connection” ha il sound corposo e aggressivo di una sparatoria anni ’20: il sorprendente esordio dei Mister Gangster è un allucinante concentrato esplosivo di swing e hardcore melodico che, su atmosfere movimentate e coinvolgenti, regala una mezz’ora di piacevole viaggio in un mondo bellissimo in cui i Lagwagon incontrano Fred Buscaglione e danno vita ad una collaborazione tanto fantasiosa quanto coinvolgente. Ritmiche vivaci, fiati impazziti e una voce fuori categoria fanno dei Mister Gangster un clamoroso alter-ego core dei più navigati Calibro 35.

Si ascoltano qui: http://www.myspace.com/mistergangster

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?