Impatto Sonoro
Menu

OBAGEVI: ecco l’album di debutto “Nel Momento In Cui Parlo Del Fuoco”

Obagevi – Nel Momento In Cui Parlo Del Fuoco (Foh Records)

Un giro di basso e una voce, quelli di Vittorio Marchetti, aprono “Nel momento in cui parlo del fuoco”. La canzone è “La sciarpa”, ed ecco che dopo le prime battute, ad accoglierci in questo mondo di suoni e parole arrivano anche la chitarra suadente e melodica di Francesco Baiesi e la batteria incalzante di Luca Rizzoli. Dopo sei anni di attività eccola qui, la prima release ufficiale targata Obagevi. “Nasce nella mia camera da letto.” ci svela Vittorio, “i pezzi sono partiti da lì e dopo sono stati portati in sala prove, nel garagino di Francesco. Abbiamo cercato di dargli una struttura solida e insieme li abbiamo arrangiati.” È l’immagine della naturalezza con cui si è sviluppato questo lavoro, fatto di canzoni nate e cresciute con la spontaneità di un gruppo di amici che, dopo aver attraversato in lungo e in largo la provincia bolognese con la propria musica, decidono di entrare in sala registrazioni e raccogliere i frutti del lavoro di sei anni. “Credo che ci sia stato un processo di maturazione graduale e sereno. In sei anni sono cambiate tantissime cose.” Se i testi sanno ancora di adolescenza, le sonorità non sono più quelle degli inizi. “Abbiamo aperto le porte a diversi nuovi generi musicali, mentre all’inizio eravamo un po’ più fondamentalisti e puristi del Rock.” Ecco che dalla sperimentazione emerge un sound essenziale, sospeso fra un sottofondo decisamente post-rock, passaggi melodici e voce a ricordarci le esperienze post-hardcore d’oltreoceano, lo stridore della chitarra distorta contrapposta agli arpeggi puliti e qualche sporadico inserto di sintetizzatori, probabile frutto dell’esperienza maturata da Vittorio nel side-project elettronico Osc2x. “Tutta l’attività musicale che ho fatto ha contribuito a rafforzare la mia esperienza pratica e nella musica vuol dire molto perché non esistono libri che ti insegnano a stare nel mondo della musica: ogni concerto, ogni trasferta, ogni intervista, ogni chiacchierata post concerto è stato prima che una lezione “professionale” una lezione di vita.”
Dopo la title-track arriva “A Kualalumpur”, perfetto esempio della maturazione degli Obagevi e oggetto dell’originale videoclip che ha anticipato l’uscita dell’album. La tracklist prosegue alternando brani inediti a pezzi ormai sedimentati nel repertorio del gruppo, con arrangiamenti nuovi in linea con il disco. Fra questi la splendida “La poesia”, dai toni profondi e riflessivi, e “Punto G”, la più cara al pubblico dall’EP Voglio Sembri.
“L’idea è quella di promuovere il disco nuovo il più possibile, cercare di trovare dei concerti e suonare molto.” Continua Vittorio, parlando dei progetti del gruppo per il futuro prossimo. “Abbiamo dedicato molto tempo a questo disco e al momento i nostri progetti non vanno al di là di quello di suonare in giro e godere del lavoro fatto.”
Nell’augurare agli Obagevi il successo che meritano, invito tutti i lettori bolognesi al release party di domani sera, alle 21.30, alla Zona Roveri. Dopo gli Obagevi suonano i Fratelli Calafuria, per la prima volta a Bologna, quindi perché mancare?

Vi lasciamo col il video ufficiale di “A Kualalumpur”, buona visione!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=f24dOWvjtac[/youtube]

 

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?