Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Merzbow Gustafsson Pandi – Cuts

2013 - Rare Noise Recordings
noise

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Evil Knives. Lines
2.Deep Lines. Cuts
3.The Fear Too. Invisible
4.Like Razor Blades In The Dark
5.Like Me. Like You

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Masami Akita, classe 1979, all’anagrafe musicale Merzbow, è uno degli artisti sperimentali più famosi al mondo. All’attivo centinaia di dischi e collaborazioni, non ha mai smesso di ricercare nuove forme di comunicazione tramite i più disparati canali. Nella discografia di Merzbow, parlare di evoluzione del suono è limitativo poiché la radiografia che ne esce fuori dopo tutti questi anni non è una linea retta in continua estensione, ma una galassia piena di frammenti e di buchi neri dove ogni certezza viene smontata nel giro di una singola traccia.

Cuts, uscito sotto RareNoiseRecords, è l’ultimo lavoro di Merzbow, il quale si fa accompagnare da altri due musicisti. Balazs Pandi segue Akita da diversi anni durante i concerti con la sua batteria. Merzbow, sulla scia di Katowice continua, anche se in chiave minore, su Cuts l’allontanamento dai suoni più elettrici a favore di una ritmica tribale e marziale che viene resa alla perfezione da Pandi. Ma il tocco di classe che rende geniale questo disco è la presenza del jazz-impro-man Mats Gustafsson, che i lettori italiani forse ricorderanno per lo split con gli Zu. Da queste premesse nascono 71 minuti di muri sonori che sanno di epica e devastante potenza. La discesa di un volatile sulla propria preda. Velocità, potenza, tempo. Poi il rumore, quello estremo e atroce. Infine la lacerazione e la morte. Tutto questo accade in un attimo e bisogna seguire con molta concentrazione l’evolversi disco, altrimenti si rischia di trovarsi spaesati senza riuscire a dare un senso al lavoro nel quadro complessivo. Sentire le lunghe suite come Deep Lines o Like me, è come trovare la sintesi perfetta tra il noise intransigente e le interferenze di Pulse Demon del 1996 e devastarle ulteriormente con un istericissimo jazz-core-noise che proietta immagini deformi e irrefrenabili fino alla pazzia totale.

Merzbow, Gustafsson e Pandi, tre artisti che si trovano e danno vita ad un’orgia sonora che trae forza dalla pazzia del jazz e dall’irruenza del noise. Cuts è un’insieme di suite sapientemente create che danno vita a gioiose sperimentazioni ed epici muri sonori che non lasceranno indifferenti i fanatici del rumore.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=gHEydgCQBo0[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?