Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Keiko Higuchi – Ephemeral As Petals

2013 - Utech Records
jazz/no-wave

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Sister
2. Another Man / ????
3. How Deep Is the Ocean
4. The Impossible
5. My Funny Valentine
6. ????
7. ??????? / Too Much to Say Goodbye

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Vivere al confine tra ciò che c’è e ciò che dovrebbe essere non è facile. Tutt’altro. Nel jazz ancora peggio. Perchè è una musica che non esiste, il tipico esempio di qualcosa che non c’era, è comparso e avrebbe dovuto tramutarsi sempre di più in qualcos’altro. Invece per molti versi è rimasta lì. Non per tutti, fortunatamente.

Keiko Higuchi è tra queste, e tra le migliori io abbia sentito finora. Tra le tante declinazioni che il genere può prevedere qui c’è un’increspatura a filo d’acqua, liquida come il materiale che sgorga da “Ephemeral As Petals”, nuovo lavoro di questa outlaw woman del jazz nipponico. Ha in testa Diamanda Galàs, magari Jarboe, e nelle mani un incubo pianistico disgregante e degenerativo, tra il Keith Jarrett più delirante e il Monk più sontuoso. Il gioco della Higuchi è quello di portarci in un campo cosparso di rumore e passato in dissolvenza, ed è un gioco semplice tanto efficace. La visione obliqua del genere sta nelle divergenze, e si parte dall’impressionismo pianistico di “Sister”, dove rumori e note sono sospese tra silenzi e combutta demolizionista (si potrà dire?) con Cristiano Luciani alla batteria e ai synth, uno di quegli italiani che ha capito che il jazz deve essere qualcosa che non è (ascoltate i suoi Lendormin che sono usciti per la leggendaria Setola di maiale), che porta ad una distruzione aritmica e atonale della melodia, con la voce di Keiko che troneggia stentorea, detta il movimento. Un altro livello di rumorismo arriva con “Another Man”, a mischiare un pianoforte pomposo a costruzioni di no wave nipponica ridotta ancor più all’osso (con il chitarrista Masami Kawaguchi e il batterista Hiko a sfasciar per bene il contenuto). Ma non è di solo presente che si nutre la Higuchi. Sfodera infatti due standard da brividi, la sua versione mortifera e crepuscolare di “My Funny Valentine” (a firma Rodgers e Hart e celebre nelle versioni di Davis e Baker), con voce sofferente, che si trascina, il piano che sorregge il dolore, e lenisce il fondo dell’oscurità e nell’ancor più buia “How Deep Is The Ocean?”, che prende Billie Holiday e Bill Evans (due tra i tanti interpreti dello standard in questione) e li immerge in acque scure, profonde e senza luce.

E’ un fiore scuro e notturno, questo “Ephemeral As Petals”, e mostra il lato classico di una sperimentazione che dovrebbe sempre di più impegnare quel mondo terribile e splendido che è il jazz.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?