Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Oathbreaker – Eros|Anteros

2013 - Deathwish Inc.
metal/hardcore/black

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. (Beeltenis) - (Ft. Kurt Ballou and Maurice Maeterlinck)
2. No Rest For The Weary
3. Upheaval
4. As I Look Into The Abyss
5. The Abyss Looks Into Me
6. Condor Tongue
7. Offer Aan De Leegte
8. Agartha
9. Nomads
10. Clair Obscur - (Ft. Kurt Ballou and Maurice Maeterlinc)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo il devastante “Mælstrøm”, tornano carichi di furia i belgi Oathbreaker con un secondo disco che completa il cerchio oscuro aperto con l’esordio. “Eros|Anteros” esce per mamma (di tutti i mostri) Deathwish Inc., ed è infatti Kurt Ballou a produrlo e registrarlo nei suoi Godcity Studios.
Ed è proprio dai Converge che i Nostri partono con la loro evoluzione della disgregazione sonora declinandone il suono e piegandolo a fameliche inclinazioni black metal disturbante (l’ustionante “Upheaval”, “Condor Toungue”). Ma non è di derivazioni che vive questo disco, bensì di uno smembramento emotivo fuori dal comune. A servire un suono debilitante è la palude elettrica delle chitarre di Lennart Bossu, già chitarrista dei mortiferi Amenra, e che qui si presta al gioco di una velocità sporca di sangue e fango che accompagna le urla disperate di Caro Tanghe ed è appesantita ulteriormente dal collante ritmico di Ivo Debrabandere e Gilles Demolder. Il richiamo all’evoluzione del proprio sound si trova nei dispiegamenti di tempo ed atmosfera. “The Abyss Looks Into Me” ne è fulgido esempio, nove minuti di doom dal groove claustrofobico che vede l’alternarsi della voce di Caro da melodie malate ed aleatorie a grida disperate e feroci e a fare coppia con questo modus operandi c’è il core schiacciante di “Agartha”. L’impronta malinconia si fa pesante nelle feralità noise dell’opener “(Beeltenis)” e nella speculare “Clair Obscur” posta in chiusura, entrambe arricchite dalla presenza alla chitarra di mr.Ballou che assieme a Bossu costruisce textures d’ombra, tristezza e grigiore impreziosite dalle parole del poeta belga Maurice Maeterlinck trasformate in soffi flebili da Caro che accartocciano l’anima fino a spingerla in una marcia funebre verso un nulla esplosivo, elettrico ed urticante.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=MGmDl6GQLAU[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?