Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Jay Malinowski and The Deadcoast – Martel

2014 - Sony Music
folk/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Main-A-Dieu
2. Meet Me At The Gate
3. Les Bas Fonds (Paris Syndrome)
4. Donzoko Blues (April's Fool)
5. Patience Phipps (The Best to You)
6. It Doesn't Feel the Same ...
7. Singapore Sling
8. Cool Ruler (In the Grace of Love)
9. Sloop John B
10. Dying Californian
11. The Tall Shadow From Saint-Malo
12. Set Me Free (Pt 1)
13. Up The Cross (Pt 2)
14. Carnival Celebration #2
15. A Fool's Tattoo
16. Carnival Celebration #2
17. The Reckoning
18. Low, Low, Low

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un concept album basato sulla storia di un antenato e del suo itinere tra Vecchio e Nuovo Continente è una di quelle cose che, diciamocelo subito, non procura eccitazione e brividi inogniddove. Però a volte quello che inizialmente può apparire come nulla di particolarmente trascendentale si rivela bello, piacevole ed addirittura sorprendente…

Ed è esattamente il caso di “Martel”, seconda prova solista di Jay Malinowski, già front man e chitarrista dei (modesti) canadesi Bedouin Soundclash, che a distanza di 4 anni dall’esordio in proprio “Bright lights and bruises” ed accompagnato dal trio d’archi The End Tree, per l’occasione divenuti The Dead Coast, ci offre questo autentico gioiellino di pop elegante, analogico e di indole folk.
18 tracce suddivise in parti eguali tra il versante “Pacific” e quello “Atlantic” – tra l’altro navigabili/ascoltabili nel graziosissimo sito www.whoismartel.com -, che esaltano come meglio non si potrebbe il talento cristallino di Malinowski, in grado di fare sussultare l’ascoltatore sia quando aumenta i ritmi delle sue sonate e lo si immagina saltellante e sudato alla prese con il piano, sia quando invece si ingobbisce su di esso riversando sulla tastiera la propria emotività e malinconia.

Album piuttosto lungo ma assolutamente facile da ascoltare e godibile al 100%, soprattutto la sponda atlantica, intima, melodica ed assolutamente perfetta in ogni suo episodio. Su tutto e tutti “The Reckoning”, pezzo da sottoporre alla Unesco per lo status di ottava o quanto meno nona meraviglia del mondo.
Bello bello bello!!

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=t18Pt_fd4Ts[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?