Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Micah P. Hinson – Micah P. Hinson and the Nothing

2014 - Talitres
songwriting

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.How Are You Just A Dream?
2.On The Way Home (To Abilene)
3.The One To Save You Now
4.I Ain't Movin'
5.The Same Old Shit
6.The Life, Living, Death And Dying Of One Certain And Peculiar L.J. Nichols
7.Sons Of The USSR
8.There's Only One Name
9.God Is Good
10.The Quill
11.Love, Wait For Me
12.A Million Light Years

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Micah P. Hinson and the Nothing” fa stare bene. Rimargina le ferite, crea un equilibrio perfetto intorno a noi, una pace che avevo perso. Grazie per essere guarito Micah. Ne avevo bisogno.

Il tormento interiore c’è sempre. Quell’introspezione che ci rivolta le viscere in maniera selvaggia e che ci lascia con un vuoto cosmico dentro ma leggeri come l’aria dopo averci strappato via alcuni organi inutili, sassi piantati nel cuore da tempo e diventati troppo pesanti per poterli trasportare ancora. E quest’angoscia esistenziale è sempre presente in Micah P. Hinson, si avverte nella voce, trapela dalle sue corde vocali e trova sfogo ancora una volta. Il dolore allo stato puro che si mette in mostra e che cerca allo stesso tempo di attenuarsi, di estinguersi da se attraverso la musica, attraverso un folk a tinte fosche con sfumature country alla Johnny Cash. Il grigio che sceglie di punto in bianco di diventare un nuovo colore. Il disco raggiunge momenti amari e travagliati come la penetrante “The Quill”, momenti orchestrali pieni di speranza come “Love, Wait For Me” e tripudi di “allegria” in chiave country/rock’n’roll come “The Same Old Shit” oppure punkeggianti come “How Are You, Just A Dream”.
Il punto più alto emotivamente è “On The Way Home (To Abilene)”, struggente e malinconica come qualsiasi ritorno a casa dopo tanto tempo. Il signor Hinson preferisce suoni chiari e semplici: chitarra e pianoforte circondati raramente da altri arnesi del mestiere come ad esempio il contrabbasso, il violino e il banjo. Pochi fronzoli, lo stretto indispensabile. Il tutto coronato da una bella voce profonda e dolorosa, l’espressione di un’anima triste che vuole però trovare una dimensione più felice.

“Micah P. Hinson and the Nothing” è l’alba che squarcia le tenebre della notte, la voglia di rialzarsi e di ricominciare a sognare. Bentornato Micah.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=zYewle_yimo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?