Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Beach House – Depression Cherry

2015 - Sub Pop / Bella Union
dream pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Levitation
2.Sparks
3.Space Song
4.Beyond Love
5.10:37
6.PPP
7.Wildflower
8.Bluebird
9.Days Of Candy

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“There’s a place I want to take you, when the unknown will surround you” e il locus amoenus ivi indicato potrebbe essere veramente una casa sulla spiaggia, sul finire dell’estate: con queste parole, Levitation è l’ouverture perfetta di Depression Cherry, nuovo e brillante album dei Beach House.

I synth ormai resi signature dal duo americano e la calda voce di Victoria Legrand ricordano – ancora una volta – i fasti degli anni ’80 e dei primi anni ’90, spogliati da cotonatissimi orpelli. Riportare in auge le atmosfere dream-pop in ambito più o meno elettronico è stata per loro una missione facile anche se è quando si esplorano i territori più vicini al vero shoegaze britannico (la bellissima Sparks) ed entrano in gioco le chitarre impastate di fuzz a contrastare i larghi riverberi vocali che si scopre di più di questo progetto più che rodato. Non aspettatevi mai bassi pompati e percussioni sovrastanti: non ne troverete e ciò è bene. Space Song è pronta a diventare la nuova Myth (2012) per le parecchie somiglianze nella struttura (sarà la chitarra, in questo caso, a rendere più marcate le differenze tra i due brani, insieme al cantato più dinamico). Squadra che vince non si cambia e questa canzone lo dimostra senza volerlo nasconderlo. Anche 10:37 non scherza e, con semplicità, non si serve quasi delle parole e racconta comunque tantissimo.
Di brillantezza si parlava all’inizio, di velati bassi si scriveva dopo, come se i guizzi argentini creati in studio siano la chiave di lettura di tutto il disco. È il brano finale, Days of Candy, a spiazzare completamente grazie al suo quasi anti-minimalismo: le voci si moltiplicano, al tappeto di fondo si aggiunge un pianoforte. Serviranno quasi tre minuti per il sopravvento definitivo degli strumenti elettronici e per riconoscere i Beach House in una seconda parte che diventa brano a sé stante.
È un breve fade out a far calare il sipario sulla creatura n. 5 di Scally & Legrand.

Una voce, la drum machine, la chitarra zeppa di effetti e il fedele synth sono le uniche cose che servono al duo per dare al pubblico ciò che si aspetta; non vogliono stupire, non vogliono cambiare sentiero: è bello piacersi, è ancor più bello far capire agli altri che ci si piace, timidamente.
Baltimora avrà pure il mare e i grattacieli ma il suo punto di forza è proprio quella casa sulla spiaggia che, dal 2006, si fa valere con estrema eleganza.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?