Impatto Sonoro
Menu

[Anteprima Video]: laBase – Primavera

labasehome

“Primavera” è il primo video de laBase, formazione abruzzese che lo scorso febbraio ha esordito con il disco “Antropoparco”, sorta di concept-album intitolato con un neologismo che rappresenta quel luogo immaginario ma terribilmente reale dove l’essere umano e la collettività sono rinchiusi come in un recinto da cui è impossibile uscire.
Il clip è stato scritto e diretto da Stefano Bertelli (Caparezza, Marta sui Tubi, Marlene Kuntz) per Seen Films e racconta il tragitto di un pesciolino rosso sul tetto di un auto che percorre il paesaggio della bassa padana tra Ferrara e Rovigo dove sono state effettuate le riprese.

“Primavera” è uno dei brani più impattanti ed evocativi di “Antropoparco” e descrive in un crescendo elettrico a base di rapide immagini veritiere il ritorno alla vita di una persona che prende consapevolezza di come “dopo l’inverno c’è sempre primavera”. Il suo è un percorso di rinascita che passa inevitabilmente dalla sofferenza e da una morte esistenziale che genera un nuovo fiore e una nuova stagione.

“’Primavera’ è una canzone in bilico fra la vita e morte – racconta laBasee sullo stesso equilibrio precario si basa anche la vita del pesciolino che è stato dimenticato da chissà chi sul tetto di un’automobile, dentro un sacchetto di plastica che è il suo Antropoparco. Al contempo noi tre della band siamo come incastrati in una realtà bidimensionale e multicolor molto anni ’80 ed è da lì, dal nostro personale Antropoparco, che invochiamo un rinascimento individuale e collettivo. Lungo questi due piani si intrecciano i ricordi e le speranze del pesciolino, per arrivare ad un finale che lascia comunque nel dubbio su quale sia la sua fine.”

Quello di una presa di coscienza dell’essere umano, del resto, è uno dei temi-chiave di “Antropoparco”, lavoro nel quale laBase propone la propria visione musicale incentrata sull’incontro teso e potente di chitarra, basso e batteria, fra richiami new wave, ingenti dosi di rumore di marca stoner, qualche fenditura psichedelica e alcuni squarci post-rock. Su queste soluzioni sonore il gruppo impianta testi molto intensi e sentiti, che fotografano con immagini nitide e visionarie la realtà politico-sociale del presente e quella privata dell’individuo, entrambe senza punti fermi e serenità possibile. A questo nichilismo di fondo laBase contrappone una forma di lucido e vitale disincanto che trova in ogni traccia un esorcismo dal dolore e una possibile riconquista di quella “Primavera” di cui tutti abbiamo bisogno.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?