Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Santigold – 99¢

2016 - Atlantic
hip-hop / elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Can’t Get Enough of Myself (feat. B.C.)
02. Big Boss Big Time Business
03. Banshee
04. Chasing Shadows
05. Walking in a Circle
06. Who Be Lovin Me (feat. ILOVEMAKONNEN)
07. Rendezvous Girl
08. Before the Fire
09. All I Got
10. Outside the War
11.Run the Races
12. Who I Thought You Were

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Una festa. Iniziamo con il definire cosi l’ultimo lavoro della geniale Santigold. Al solito un ottimo lavoro. Divertente e carismatico al primo ascolto; cinico ed alquanto solitario dal secondo in poi. Già nel lontano 2008, Santigold aveva sfornato un magnifico e quasi unico lavoro musicale intitolato Santogold. Oggi, a quasi otto anni di distanza ed un intermezzo di non chiara definizione (Master of My Make-Believe), Santigold ha voluto dare nuova linfa alla sua vena artista, puntando tutto verso una spietata e cinica critica al business musicale che ci circonda quotidianamente, divertendosi proprio con quei suoni e quei generi che permeano la nostra stessa società.

99¢ è un lavoro colorato e goliardico, direi quasi perfetto. La sola immagine di copertina descrive appieno lo spirito di denuncia che Santigold dipinge. La mercificazione della musica stessa. La sua, compresa. Santigold è cosciente del proprio ruolo e di come il lavoro artistico, quello di una musicista in questo caso, venga plasmato e deturpato costantemente da un industria senza punto di arrivo. Vi è una costante e poi non cosi tanto mascherata denuncia sonora che va interpretata ad ogni ascolto. L’aspetto fenomenologico di un’anti-diva nel suo ambiente naturale: la musica. A parte questo, il nuovo EP è divertente, elettrico, eclettico e frizzante. Da ascoltare.

Lei è Santigold. È freak, è glam, è trendy. Ma è altresi altezzosa e regale, pazza e fuori di testa se vista dal vivo (un vero e proprio animale da palcoscenico). Discrasia vivente del mondo musicale, più che icona e stella. I suoni e gli stili Santigold gli contorce, amalgama e definisce costantemente (Can’t Get Enough of Myself, Chasing Shadows, Walking in A Circle). Insomma se si ascolta 99¢ un motivo ci sarà. Esso cattura, diverte e fa delirare quel giusto, nel senso buono del termine, che meritiamo. Santigold è un portento; una vera e propria forza della natura. Meglio di M.I.A., Santigold è avanguardista (Diplo, Disco D, Beck), indipendente e rivoluzionaria. Aggettivi che giustamente si rinnuovano ogni volta che esce un suo lavoro. Illustri i produttori di questo ultimo album: Rostam Batmanglij dei Vampire Weekend, Hit-Boy, Dave Sitek dei TV on the Radio, Patrik Berger, Justin Raisen, Sam Dew, John Hill et Doc McKinney. Insomma, i nomi la dicono lunga sull’intenso operare portato avanti da Santigold, al secolo Santi White.

Che si puo’ dire di una donna che è cresciuta a suon di pane ed impulsi sonori? In una vecchia intervista, amava dire di sè: la musica che ho in mente deve essere il riflesso di me sessa. Con mio padre ho visto Nina Simone e sognato Fela Kuti; mia sorella suonava gli Smiths e la classica musica rock; mentre a scuola i compagni ascoltavano gli U2 e i Talking Heads. Ed è solo cosi che Santigold si è ritrovata a scrivere testi per Lily Allen, Res e Ashlee Simpson. Tutto questo, finché una buona mattina si è alzata dal letto e ha detto basta.

Il nuovo disco di Santigold, 99¢, risulta multi-suono e multi-influenze. Con Banshee, l’ultimo singolo estratto, si parla di ritmica tropicale che si fonde con l’elettronica. Questo senza mai tralasciare la verve carismatica del dancehall e dell’hip-hop. Vibrazioni che d’altronde si ripercuotono nell’ascolto di tutto l’album. 99¢ è uscito il 26 febbraio di questo 2016 e siamo sicuri che influenzerà molti dei festival estivi che ci si accinge a programmare. L’album è stato anticipato da un buon e simpatico singolo Who Be Lovin’ Me, dove Santigold è accompagnata dall’irriverente rapper di Atlanta IloveMakonnen.

Con soli 99¢ in tasca, usciamo di casa in un buon pomeriggio di sole, andiamo al lunapark e ci deliziamo con un buon zucchero filato. Almeno a Santigold piace vederla cosi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?