Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

The Strokes – Future Present Past

2016 - Cult Records
indie rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Drag Queen
2. OBLIVIUS
3. Threat Of Joy
4. OBLIVIUS (Fabrizio Moretti remix)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un assaggio di The Strokes a tre anni di distanza da “Comedown Machine”. La band capitanata da Julian Casablancas torna con un EP di quattro tracce, delle quali tre brani nuovi di zecca e un remix di “OBLIVIUS” realizzato dal batterista Fabrizio Moretti.
Il lavoro forse anticipa qualcosa di succulento: perché se è questa la premessa, ci aspettiamo un grande ritorno.

Un ritorno alle origini ma anche no per la band di New York.
“Drag Queen”, la dissonante e distorta opening track in cui la voce di Casablancas risulta particolarmente tormentata, “OBLIVIUS”, quasi hit estiva, intricata e martellante ma con un velo di leggerezza, “Threat Of Joy”, pezzo spensierato e più morbido del resto dell’EP, lo psichedelico e nebuloso remix di “OBLIVIUS” targato Fabrizio Moretti: c’è un po’ di “Room On Fire”, un po’ delle sperimentazioni e dell’introspezione di “Tiranny” (opera prima del progetto Julian Casablancas + The Voidz), un po’ della ruvidezza di “Is This It”, ma al tempo stesso ce ne allontaniamo, rivelando qualcosa che la band ancora non ci ha detto e che vuole dirci.

Schietto, acceso, ridotto all’osso ma curato, con sprazzi di new wave e la vena sempre pulsante di un rock che non muore mai, in bilico tra garage, punk, progressive. E quella voce deformata e dolorosa.
Un lieto ritorno, un’attitudine che ci mancava da un po’, un equilibrio tra il passato, il presente e un probabile futuro del gruppo, tra nuovo, vecchio e attuale.

Rimaniamo in attesa.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?