Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Lu Silver – The Soul Comes Back To Boogie

2016 - Go Down Records
soul / rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Overture
2. Just Another Day
3. Turn Me On
4. Walking On A Dream
5. I Give You My Blues
6. Valentina
7. We Don't Like Your Ties
8. Life Is A Strange Game
9. Looking For Another Way
10. On The Way Home
11. I Feel Really Junky
12. Last Train For A New Day

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A due anni dal suo debutto da solista, Lu Silver è tornato con “The Soul Comes Back To Boogie”, disco realizzato in compagnia con la String Band. Magnetica è l’attrazione verso la West Coast americana che l’opera esercita: nel suo fluire, catapulta l’ascoltatore in strade sterrate di campagna, a bordo di un auto decappottabile e non più giovanissima, rigorosamente col gomito di fuori. E non solo perché le sonorità sono tremendamente vintage. Il motivo è da ricercarsi in uno stile praticamente inconfondibile, che affonda le sue radici nel country, ma che incorpora elementi blues e folk, tenendo ben presente anche la tradizione del rock and roll più classico.

Introdotto dalle note sognanti e malinconiche di “Overture”, il disco inizia con il country leggero e frizzante di “Just Another Day”, mentre Lu Silver si muove agilmente fra tonalità alte e basse, con alcuni parti cantate particolarmente catchy. Dopo la blueseggiante “Turn Me On”, il rock and roll dal sapore sixties di “Walk On A Dream” conduce verso uno dei momenti migliori dell’album. “I Give You My Blues” coinvolge e nel finale incalza: il piano regala sfumature diverse, poi una frenetica batteria anticipa uno stop & go gradevolissimo, mentre Lu Silver mantiene alto il livello, con una voce tirata e un cantato perennemente in tensione. Fra ballate romantiche (“Valentina”) e attimi più spensierati (“We Don’t Like Your Ties”), spicca l’energica “Life Is A Strange Game”, arricchita da rapidi cambi di ritmo e l’alternanza fra parti travolgenti e passaggi quasi onirici. Atterraggio morbido grazie alla ballata “Looking For Another Way” verso l’ottima cover di “On The Way Home” di Neil Young, la cui influenza nel disco è percepibile. “I Feel Really Junky” è una chicca in termini meramente compositivi: bisbigli, assoli vocali e boogie rock si sovrappongono, si alternano, sfumano gli uni negli altri.

A chiudere è un’altra morbida ballata (“Last Train For A New Day”), degno finale di un disco ben fatto sotto tutti i punti di vista, gradevolissimo per tutta la sua durata e che scorre senza concedere momenti d’affanno.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?