Menu

Il Medico Di Campagna, di Thomas Lilti

Il Medico Di Campagna

Scheda


Il dottor Wermer è un medico di campagna con un’abnegazione totale nei confronti dei propri pazienti che visita abitualmente e per i quali fa anche ambulatorio all’interno della sua abitazione. Quando anche lui si ammala, e nonostante non voglia, Wermer inizia a essere assistito da Nathalie, una dottoressa da poco laureatasi ma con molti anni di pratica come infermiera e che dovrà sostituirlo in ogni aspetto della sua professione.

L’ex dottor Thomas Lilti porta sul grande schermo le proprie conoscenze del mondo medico per narrare le gesta di François Cluzet, nel ruolo di un serafico e solitario dottore di un piccolo paese della Normandia. Un medico di quelli baciati dal dono della scienza quale ‘missione al servizio della comunità’ che vede gravare sulle proprie spalle tutta la vita dei pazienti del circondario per i quali usa tutte le energie a propria disposizione, e le dovute precauzioni, per riuscire a curarli e seguirli nel migliore dei modi e con i quali il livello di empatia che si viene a creare va oltre il rapporto paziente – medico. Un rapporto che risulta essere l’opposto di quello che dimostra nei confronti di Nathalie Delezia, un’eccellente Marianne Denicourt; sua possibile sostituta giunta dalla città per assisterlo e lentamente prenderne il posto.

La pellicola firmata da Lilti si sofferma, e non poco, sul senso di comunità sia rurale sia umana che si crea fra gli abitanti del piccolo paese, che velocemente riescono ad accogliere anche l’arrivo della nuova dottoressa, inizialmente osteggiata ma immediatamente adottata come una nuova amica della porta accanto. Il solo dubbio, o quasi, sollevato dalla pellicola: chi fra gli spettatori non vorrebbe un rapporto così umano con il proprio medico curante?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Close