Menu

Recensioni

Stefano Meli – No Human Dream

2017 - Viceversa / Seltz
blues / folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Petra
2. Tree
3. Sonoma
4. Rain
5. Noose
6. Desert
7. No Human Dream
8. Kee
9. Stella
10. After Midnight


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Originario di Ragusa, classe 1973, il chitarrista Stefano Meli –dopo una collaborazione di successo con i La Casbah e con i Caruana Mundi- giunge quest’anno alla pubblicazione del suo sesto album solista: “No Human Dream“.

Si tratta di una realizzazione in cui la matrice folk e blues è la vera protagonista del sound. È il suono pieno delle chitarre, una Silverstone Kay del 1959 e una Harmony Stella del 1960, a riempire quei silenzi evocati dagli spazi naturali creati nell’immaginario dell’ascoltatore.

Storie di elementi naturali, di strade polverose e solitarie, di alberi e pioggia, raccolte in 10 tracce strumentali registrate senza l’utilizzo del computer, esclusivamente con un vecchio mixer, presso il Little Lost Cat Recording, portate a compimento al Phantasma Studio Recording e infine prodotte via Viceversa Records/Seltz Recordz.

Nel suo lavoro, Stefano Meli, oltre a suonare chitarra acustica (classica ed elettrificata), chitarra elettrica, dobro, basso elettrico, armonica, stomp e charango, ha collaborato con numerosi artisti tra cui Carlo Natoli (basso e mixer), Sergio Occhipinti (basso e spoken words –tratte da Le Terre Desolate di T.S. Eliot- nella titletrack), Sebastiano Cataudo (batteria) e Anna Galba (violino).

Insomma, stiamo parlando di un insieme eccezionale di strumenti che si intrecciano, compongono un percorso ben delineato, basato sulla consapevolezza e sul ritrovamento di se stessi attraverso i suoni e i silenzi di ambienti sconfinati.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close