Menu

[Première]: REEDUCATE – Plastic Knives

Reeducate

Composti da Giuliano Buttafuoco, Francesco Bressan, Lorenzo Di Gemma, Andrea Palmas e Matteo Reati, i Reeducate prendono forma nella prima metà del 2015.
Partiti da sonorità più dure e tese, rimodulano il loro suono nel corso del tempo, pubblicando prima un ep (“Winter“, fine 2015) e poi uno split album con altre tre band estere (“Blue Period“, 2016). Con il 2017 si concentrano sulla stesura dei nuovi brani, realizzando quello che sarà il loro primo album, “Plastic Knives“. Il disco, prodotto da DreaminGorilla Records, Tanato Records e Edison Box Records, si concentra sul combinare, con gusto e passione, shoegaze, pop e alternative rock.  Il risultato è un album carico di suono, contenuti ed idee, in grado di conquistare con il suo fascino lievemente malinconico e sofferto.

Plastic Knives” sono i coltelli di plastica, che tagliano in modo grossolano rispetto al coltello vero e proprio, acuminato ed aguzzo. Giuliano (voce della band e scrittore dei testi) utilizza questa metafora per mettere in evidenza il filo conduttore di tutto l’album: l’incomunicabilità e l’incompiutezza. Segreti mai rivelati e frasi trattenute che spesso intavolano discussioni sommarie, non concluse, ri-arrangiate che mai arrivano ad una conclusione. Una conversazione tra due entità che viene raggirata e/o interrotta, come un coltello di plastica che si spezza prima di aver compiuto la sua unica funzione.

Ve lo presentiamo in anteprima di seguito, buon ascolto!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close