Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Jochen Arbeit & Paolo Spaccamonti – CLN

2018 - Boring Machines / Escape From Today
sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. I
2. II
3. III
4. IV
5. V
6. VI
7. VII


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quante volte negli ultimi sedici anni sono passato da Piazza C.L.N. a Torino con noncuranza? Quante altre invece mi sono soffermato a pensare giusto per ritrovarmi al cospetto delle chiese di San Carlo e Santa Cristina, pochi passi più avanti? E quante volte ancora ho pensato che ciò che stava passando nelle cuffie perennemente calcate nelle mie orecchie non sottolineasse doviziosamente né i miei pensieri né ciò che stavo osservando?

Troppe, è la risposta a questa serie di domande che potrebbero stonare all’inizio di qualsiasi recensione. Qualsiasi ma non questa. Jochen Arbeit e Paolo Spaccamonti si incontrano sotto il colonnato freddo ed austero e si guardano negli occhi. Paolo Spaccamonti e Jochen Arbeit imbracciano le chitarre e rimodellano l’architettura. Da una parte i nuovi palazzi che collassano dall’altra nuove strutture che crescono e si impongono al posto delle precedenti sotto un sole che non scalda.

Il biancore di “CLN” è fulgidamente algido e si imprime nella retina come un raggio di neve candida che si sporca di realtà, di tanto in tanto. Preme sulle pareti di un cuore di marmo e si ammanta delle ombre di Augusta Taurinorum nel suo antico abbraccio fino a formare una rete elettrica scomposta e ricomposta in maniera ordinata e in totale fusione fino a creare qualcosa d’altro, sconosciuto nel suo essere già scritto e già letto, rilettura di un passaggio tra montagne d’etere che fendono il cemento.

Il cammino del soldato perso nei meandri del tempo è irto di ostruzioni e ostacoli intessuti nel rumore e nel compendio di un sopito male elettrico che stratifica nelle cavità della Terra (II, IV). Ombre che si allungano su paesaggi brulli e riscaldati dal fuoco della sabbia divorano tutto in spettrali mistificazioni di peregrinaggi avvenuti ormai anni orsono al di là dell’Oceano, al limitare del deserto e in lunghe carovane (V, VI). Cerulei volti toccati da fantasmi la cui voce è sono echi delicati ed intensi si stagliano su gentili cieli d’inverno in lontani richiami che noi definiremmo “post” (I, III). Infine antichi macchinari fusi nel piombo e nel risentimento tornano operativi vomitando sequenze noise alzando i propri volti tumefatti al cielo e urlando a piena voce (VII).

CLN” non è solo un disco, è la precisa identità di un’entità a due unità che divengono soliloquio e unisono dissonante. Sembra uno scioglilingua ma quando lo ascolterete non potrete che convenire con me.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?