Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

David Byrne – American Utopia

2018 - Todomundo / Nonesuch
art pop / indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. I Dance Like This
2. Gasoline And Dirty Sheets
3. Everyday Is A Miracle
4. Dog’s Mind
5. This Is That
6. Bullet
7. It’s Not Dark up Here
8. Doing The Right Thing
9. Everybody’s Coming To My House
10. Here


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Lo sguardo oltrepassa l’obiettivo, è lontano, già futuro. Quello che ritroviamo in “American Utopia” è il David Byrne che ricordiamo ma, come sempre, un passo, o un miglio, avanti.

A 15 anni dal suo ultimo lavoro da solista e a 4 dalla straordinaria collaborazione con St. Vincent, Byrne torna con un lavoro ricco, corale e anche introspettivo, un racconto di quotidianità trasportate in una realtà parallela, e ci rendiamo conto che esistono artisti che solo con un cenno, un “Hei!” ti fanno drizzare i capelli. Sperimentatore, studioso, maestro, un uomo pacato che assorbe musica di tutto il mondo e la trasforma in scosse elettriche.

American Utopia” è nato insieme a Brian Eno, e questa collaborazione si è evoluta in una versione polifonica che Byrne ha deciso di limare ri-arrangiando tutto elettronicamente, e il risultato è potente. I Dance Like This, la opening track, alterna strofe di questo grande songwriter oltreterreno con una power elettronica che ci riporta al quell’omino stralunato dei più creativi video su Mtv, ed è la sua dichiarazione di sapiente umiltà: “Io ballo così, è il massimo che so fare e se potessi, farei di meglio”.

A noi torna in mente il geniale video di “Once in a Lifetime” – sì, noi lo sappiamo che balli così! La danza di Byrne è una cornucopia in fibrillazione che viene attraversata da luci, suoni, eventi, esperienze, come cassa di risonanza di un’individualità che sa sprigionare energie primordiali.

L’elettro funk dà forma a Gasoline And Dirty Sheets, brano coinvolgente, ispirato, sicuramente uno spettacolo da non perdere dal vivo. Ritroviamo la sua passione per l’America latina nell’ironica e surreale Everyday Is A Miracle, con un tappeto pop-funk ed echi gospel in cui guardiamo il mondo dal punto di vista di un pollo. Dog’s Mind è un viaggio immaginario in cui tutti ci ritroviamo ad essere cani in un parco giochi onirico mentre la ballata intimistica This Is That ci porta a Bullet, dove con un’ altra metamorfosi diventiamo la pallottola che attraversa un corpo nel momento di un assassinio.

Si torna a sonorità vicine al David Byrne più energico e creativo con It’s Not Dark Up Here (il “Hei!” di cui parlavo all’inizio si riferiva a questo pezzo). Doing the Right Thing, tra percussioni e sinfonia introduce l’irresistibile Everybody’s Coming To My House, ovvero il primo singolo estratto, ed è qui che troviamo il cantato duro e impettito che contraddistinse i Talking Heads, con le migliori influenze dell’immaginario di “Remain in Light” e “Stop Making Sense” per renderci conto che “Siamo solo turisti in questa vita”. La closing track Here cerca di mettere in chiaro e di fare un po di ordine nel senso delle cose viaggiando in zone del cervello tra tastiere, percussioni ed elettronica.

Questo disco arricchisce davvero il panorama musicale perchè è un evento, il saggio David Byrne non ci ha delusi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?