Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Melvins – Pinkus Abortion Technician

2018 - Ipecac Recordings
alternative / stoner

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Stop Moving To Florida
2. Embrace The Rub
3. Don't Forget To Breathe
4. Flamboyant Duck
5. Break Bread
6. I Want To Hold Your Hand
7. Prenup Butter
8. Graveyard


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ecco tornare anche quest’anno i Melvins, a distanza di neanche nove mesi dalla pubblicazione del precedente doppio album “A Walk With Love & Death”. A cavallo tra la fine dello scorso secolo e l’inizio di quello attuale, questi mostri di prolificità hanno scritto alcune delle pagine più belle dell’alternative a stelle e strisce, spaziando con grande disinvoltura dal grunge sporco e cattivo del superclassico “Houdini” – in cabina di regia c’era un tale Kurt Cobain, avete presente? – al puro hardcore di protesta al fianco di quella leggenda punk che porta il nome di Jello Biafra (dietro al microfono per “Never Breathe What You Can’t See” del 2004 e per la compilation “Sieg Howdy!” del 2005).

A Buzz Osborne (voce, chitarra) e Dale Crover (batteria) è sempre piaciuto molto sperimentare non solo con la propria musica, ma anche con la formazione stessa della band: recentemente li abbiamo conosciuti in versione “Lite” (“Freak Puke” del 2012), in formato “1983” (con il batterista originale Mike Dillard e Crover trasferitosi al basso per Tres Cabronesdel 2013) e ancora affiancati da una quantità spropositata di ospiti illustri in Basses Loadeddel 2016. Ora, dopo aver in passato tentato la via della doppia chitarra e addirittura della doppia batteria, i Melvins si concedono l’ennesima stravaganza: in “Pinkus Abortion Technician” suonano due bassisti, il “solito” Steven Shane McDonald (membro storico dei Redd Kross) e la new entry Jeff Pinkus, noto soprattutto per la sua militanza nelle file di quei geniali pazzerelli che portano il nome di Butthole Surfers.

Quello di Pinkus, in realtà, è un ritorno: le sue quattro corde rimbombano in Hold It In del 2014 e su una traccia contenuta in “Basses Loaded”. La rinnovata collaborazione con il bassista texano devo però aver fatto entusiasmare a tal punto i Melvins da decidere in qualche modo di dedicargli questa uscita, che nel titolo omaggia in maniera esplicita sia Pinkus, sia quel Locust Abortion Technician che nel lontano 1987 confermò i Butthole Surfers quali deliranti maestri dell’alt rock più contaminato.

Certo, c’è tanta carne al fuoco nel nuovo album dei Melvins; purtroppo però anche in questo caso, come avviene già da un po’ di anni ormai, la band non convince appieno e il risultato finale delude le aspettative, che mai come in questa occasione erano tornate a essere piuttosto alte. La formula del doppio bassista non viene sfruttata sempre al meglio – a eccezione degli otto minuti “esotici” e spaziali di Don’t Forget To Breathe e della frustata punk Embrace The Rub, nelle cui strofe assistiamo a un bel duello di virtuosismi tra McDonald e Pinkus – e l’impressione generale è che Osborne e Crover non abbiano più così tanta voglia di “mordere” le orecchie dell’ascoltatore.

Il fatto che ben tre degli otto brani in scaletta (pochissimi, il disco supera a malapena la mezz’ora) siano cover è un segno evidente della scarsa ispirazione che attanaglia “Pinkus Abortion Technician”. Le versioni targate Melvins di I Want To Hold Your Hand (The Beatles), Graveyard (Butthole Surfers) e il medley Stop Moving To Florida – mix stranamente poco spiazzante di Stop dei James Gang e Moving To Florida (ancora Butthole Surfers) – sono piacevoli e divertenti, ma solo nei passaggi più ruvidi lasciano il segno.

Cari Melvins, che sia arrivato il momento di cominciare a centellinare le uscite?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?