Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Converge – Beautiful Ruin

2018 - Epitaph / Deathwish Inc.
hardcore punk / metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Permanent Blue
2. Churches And Jails
3. Melancholia
4. Beautiful Ruin


Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Some of the songs on that album are actually some of the weakest ones that we recorded, and some of the ones that aren’t on the album are the strongest.” Queste le parole di Kurt Ballou al tempo dell’uscita di “The Dusk In Us”, ultimo full lenght dei Converge.

Sulla prima parte della dichiarazione non mi sento di poter dissentire: alcuni brani contenuti su quell’album non vanno da nessuna parte e se lo fanno finisco in quella zona grigia governata dall’autoindulgenza che sarebbe meglio non invadere se si è una band innovativa e immensa quanto lo sono i quattro di Salem.

O forse dovremmo parlare al passato, visti i risultati. A parte quando i Converge non fanno i Converge – e lì si vola altissimo – il resto è un auto-rip off che ancora adesso, a diversi mesi dall’uscita del disco in questione, non riesco a spiegarmi. Ciò che il chitarrista aggiunge dopo aver ammesso le proprie colpe è che quelle canzoni “strongest” sarebbero uscita, prima o dopo, non si sa in qual formato. Scoccata la mezzanotte del 29 giugno la band scioglie le riserve e pubblica l’EP “Beautiful Ruin” con quattro dei suddetti brani strong.

Cosa intenda Ballou per strong però resta un mistero perché solo uno dei pezzi ivi racchiusi esce – ma nemmeno con tutto il corpo – da quel cono d’ombra in cui è nato “The Dusk In Us”. Si tratta del punk/death’n’roll entombediano di Melancholia. Fine. Gli altri tre presenti all’appello viaggiano né più né meno sulle coordinate dei momenti più deboli dell’album prima su tutte l’opener Permanent Blue, che pare uscita dallo scantinato di “Axe To Fall”.

Per fortuna i minuti da regalare alla band capitanata da Jacob Bannon in questo caso sono meno di sette. Un’altra macchia incomprensibile in una discografia altrimenti perfetta e che ha cambiato le sorti della musica aggressiva tutta e un dispiacere immenso per la “nuova” strada intrapresa da una band così importante. Che sia ora di concentrarsi su altro?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni