Impatto Sonoro
Menu

Recensioni

Gui Amabis – Miopia

2018 - Trabalhos Carnivoros
folk / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ar Condicionado
2 Espirito Acrobático
3. Mais um Whiskey
4. Contravento
5. Todos Os Dias
6. Para Mujica
7. Quase um Vinho Bom
8. O Inimigo Dorme
10. Miopia


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gui Amabis è sicuramente uno degli artisti che spiccano nella scena di Sao Paulo in Brasile, che propone un folk pop ricco di suggestioni cinematografiche mantenendo i temi classici della tradizione brasiliana quali la “tristeza”, la “saudade” e via dicendo, aggiungendoci una profonda sensibilità riguardo a temi sociali contemporanei come in Para Mujica.

L’entrata dalla porta posteriore, quella che dà sullo scantinato delle melodie sghembe del Tom Waits degli anni 2000 fa affiorare una voce calma e pacifica di un Jorge Ben sotto oppiacei. È il primo brano, Ar Condicionado, a convincere l’entrata in questo film indipendente degno di Tom Dicillo in un’atmosfera sofferente di mancanza, di assenza.

Più malinconica è l’atmosfera in Espirito Acrobático, con la seconda voce di Juraça Marçal impegnata in un racconto di un grande spirito così terreno tra gli amici in un bar, eppure così elevato e aperto al futuro. Si torna a casa sbandando pericolosamente i fianchi contro il corrimano delle scale ridendo di sé pensando alla frase di qualche ora prima “Un altro whiskey e me ne vado” accompagnati a letto da un angelo silente e profondo che ti fa capire che va tutto bene.

Giro in macchina per Sao Paulo per sentire sulla faccia il peso di viaggiare controvento e si viaggia così in questo album: un po’ per ambienti intimi, chiusi, scantinati in cui reinventare una scena musicale e spazi aperti con tanto di aria fresca sul viso, è questo “Miopia” di Gui Amabis nella scena sudamericana: aria fresca, intensa. Puro talento.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni